Demoskopika: per l’estate previsti 39 mln di arrivi

Sono almeno 39 milioni (+12% sul 2020) gli arrivi tra italiani e stranieri stimati per l’estate con 166 milioni di presenze (+16,2%). “Il turismo italiano è fortunatamente in fase di graduale ripresa. Le nostre stime – afferma il presidente di Demoskopika Raffaele Rio, che ha realizzato un’indagine in collaborazione con l’Università del Sannio pubblicata in anteprima da Ansa – sono prudenziali, abbiamo ricevuto segnali che il comparto potrebbe registrare incrementi dei flussi ottimisticamente più rilevanti. Il piano vaccinazioni e il green pass rappresentano un indubbio incentivo nel processo di ripresa dei flussi turistici”.

Oltre la metà degli italiani ha scelto di andare in vacanza nei prossimi mesi, riporta Ansa: il 28,7% sta pensando di programmare una vacanza per i prossimi mesi, il 20,6% ha deciso di partire anche se manifesta ancora qualche indecisione mentre solo il 4,1% ha già prenotato la villeggiatura. Prevale la vacanza “nazionalista”: l’86,8% degli italiani pronti a “fare le valigie” rimarrà nel Belpaese. Sul versante opposto, il 13,2% ha scelto di recarsi oltre confine: l’11,1%, in particolare, ha in programma una meta europea mentre il 2,1% opta per una destinazione internazionale. Da sottolineare, infine, che la propensione degli italiani per una vacanza all’estero ha registrato un incremento significativo rispetto allo scorso anno, quando, in particolare, questo orientamento era stato indicato appena dal 7,8% del campione intervistato.

Saranno principalmente cinque le destinazioni regionali a trainare quest’estate la ripresa e che, pertanto, hanno ottenuto il maggior livello di interesse nelle scelte dei turisti. In cima alle mete più ricercate dagli italiani per i prossimi mesi si posizionano, infatti, Puglia con 1,9 milioni di arrivi (+13,6%) e 10,6 milioni di presenze (33,9%), Toscana con 4,1 milioni di arrivi (+13,4%) e 19,1 milioni di presenze (23,3%), Sicilia con 1,7 milioni di arrivi (+13,2%) e 6,5 milioni di presenze (23,6%). E, ancora, Emilia-Romagna con 4,5 milioni di arrivi (+12,9%) e 23,1 milioni di presenze (26,3%), Sardegna con 1,5 milioni di arrivi (+12,8%) e 8,2 milioni di presenze (20,0%).

La voglia di vacanze degli italiani va sostenuta e incentivata con misure specifiche in grado di aiutare sia le famiglie, sia le imprese turistiche, commenta Assoutenti. “Se da un lato cresce la propensione delle famiglie alle partenza, dall’altro esistono limiti che arrecano un danno al turismo specie sul fronte dei trasporti – spiega il presidente Furio Truzzi –. L’andamento dei contagi e la crescita del numero di cittadini vaccinati rendono oramai obsoleta la riduzione della capienza massima dei treni, limiti che devono essere eliminati specie sui collegamenti verso le località turistiche. Una misura che avrebbe effetti positivi anche sul fronte delle tariffe ferroviarie”.

“C’è poi la questione del bonus vacanze, incentivo che deve essere potenziato sia per permettere anche a chi ha subito forti riduzioni del reddito di godere di giorni di vacanza la prossima estate, sia per convincere gli indecisi – prosegue Truzzi –. In tal senso chiediamo al Governo di consentire l’utilizzo del bonus vacanze non solo nelle strutture ricettive, ma anche presso stabilimenti balneari o centri termali e per l’acquisto di servizi turistici di qualsiasi tipo e biglietti di treni, aerei e traghetti”.

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti