Green pass: c’è l’ok del Parlamento europeo

Il Parlamento europeo ha dato il via libera al Green pass della Ue. Come riporta Ansa, è stato completato il lavoro sul documento che mira a facilitare gli spostamenti all’interno dell’Unione europea. Adesso il prossimo step per poter entrare in vigore e per l’applicazione immediata dal primo luglio 2021, è l’adozione del testo da parte del Consiglio e la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale,

Sono stati, così, approvati i nuovi regolamenti Ue sul certificato, che ha ottenuto 546 sì, 93 contrari e 51 astenuti tra i cittadini Ue e 553 favorevoli, 91 contrari e 46 astensioni, tra i cittadini di Paesi terzi residenti nella Ue, precisa la fonte. Come già comunicato a rilasciare il certificato, gratuitamente, saranno le autorità nazionali.

Sarà in formato digitale o cartaceo con un codice QR e dimostrerà che una persona è stata vaccinata contro il Coronavirus o ha effettuato un test recente con esito negativo o che è guarita. Un quadro comune dell’Unione europea provvederà a rendere i certificati compatibili e verificabili in tutta l’Unione europea. Il green pass resterà in vigore per 12 mesi e non sarà considerato un documento di viaggio.

E’ stato, poi, deciso che gli Stati dell’Unione non potranno imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di certificati, come quarantena, autoisolamento o test, “a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica”. Inoltre, si terrà conto delle prove scientifiche, “compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc)”. I Paesi della Ue dovranno garantire che i prezzi dei test siano abbordabili.

Tags:

Potrebbe interessarti