Semaforo verde da oggi in Francia

A partire da oggi, il flusso di viaggiatori tra la Francia e i Paesi stranieri viene riaperto secondo procedure che variano secondo la situazione sanitaria nei Paesi terzi e la vaccinazione dei viaggiatori. È stata definita una classificazione dei Paesi sulla base di indicatori di salute. Le liste di Paesi sono suscettibili di essere adattati secondo variazioni in base alla rispettiva situazione epidemica. I Paesi “verdi” sono quelli con nessuna circolazione attiva del virus e nessuna preoccupante variante identificata e riguardano lo spazio europeo, Australia, Corea del Sud, Israele, Giappone, Libano, Nuova Zelanda, Singapore.
I Paesi “arancioni” sono quelli dove la circolazione attiva del virus avviene in proporzioni controllate, senza diffusione di varianti di varianti preoccupanti e riguardano tutti i Paesi tranne quelli “verdi” e “rossi”.
I Paesi “rossi” sono invece quelli dove la circolazione del virus è attiva, con la contestuale presenza di varianti che creano preoccupazioni. In questa sfera si ritrovano: Argentina, Bahrain, Bangladesh, Sudafrica, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, India, Nepal, Pakistan.

Tra le altre disposizioni per quanto riguarda la visita della Francia, il coprifuoco è slittato alle ore 23.00. E’ stata prevista la riapertura delle sale interne di bar e ristoranti con tavoli per massimo 6 persone, la riapertura di palestre e di luoghi culturali, fiere e edifici sportivi con la possibilità di accogliere fino a 5.000 persone e i turisti vengono accolti con il pass vaccino. Per i turisti stranieri che non hanno completato il programma di vaccinazione è sufficiente un test molecolare o antigenico negativo fatto 72 ore prima della partenza. Con la  fine di giugno le riaperture saranno ancora più significative.

Tags: ,

Potrebbe interessarti