Una piattaforma di cento hotel per rilanciare Firenze

Un centinaio di alberghi a Firenze hanno riunito la propria offerta ricettiva nella piattaforma ‘Destination Florence Plus’, creata per rilanciare Firenze come meta turistica dopo l’emergenza sanitaria, presentando la città “come non l’hai mai vista”. 

Le strutture aderenti propongono su ‘Destination Florence Plus’ tariffe esclusive che includono altri servizi disponibili soltanto sul marketplace ufficiale. L’iniziativa è nata per coinvolgere gli albergatori e, a cascata, tutti gli altri operatori della filiera turistica di Firenze e dei suoi dintorni con l’obiettivo di fare sistema e offrire i migliori servizi alle migliori tariffe. 

L’iniziativa è frutto di una stretta collaborazione tra gli operatori all’interno del Destination Florence Convention & Visitors Bureau. Per ogni camera prenotata su ‘Destination Florence Plus’, il visitatore ha diritto a un codice promozionale con sconti fino al 30% su una selezione di prodotti turistici, tra tour, esperienze e degustazioni. 

Tutti gli operatori presenti su ‘Destination Florence Plus’ sono stati selezionati seguendo criteri qualitativi molto alti, il rispetto di un codice etico e sono aziende rigorosamente toscaneLa campagna ‘Destination Florence Plus’ è rivolta principalmente al mercato italiano ed europeo e potrà adattarsi anche ad altri mercati in base all’andamento delle riaperture internazionali, sarà attiva fino a dicembre 2021, mentre la call rivolta agli operatori è sempre aperta. 

La campagna ‘Destination Florence Plus’ è stata inserita all’interno della più ampia campagna ‘Toscana, Rinascimento senza fine’, studiata da Toscana Promozione Turistica e Fondazione Sistema Toscana, e nata in sinergia con il Comune di Firenze e in collaborazione con Destination Florence Convention & Visitors Bureau. 

Secondo il sindaco della città, Dario Nardella, “Firenze vuole farsi trovare pronta e proiettarsi verso la ripresa, non solo per i prossimi mesi ma per tutto il 2022 e vuole farlo con strumenti concreti in grado di dare slancio alla nuova fase di Rinascimento. I segnali di questi giorni sono buoni: c’è voglia di tornare a visitare i nostri musei e a frequentare i nostri teatri, con le grandi istituzioni culturali che stanno ripartendo. Ora è il momento di sostenere l’intera filiera che ruota attorno al settore del turismo, uno tra i più colpiti dal Covid, e di lavorare insieme in vista dell’apertura delle frontiere e di un ‘green pass’ che dovrà essere non solo europeo ma internazionale”.

“Fare rete tra enti pubblici e soggetti privati diviene fondamentale per accompagnare la ripresa dei soggiorni nella nostra città – ha aggiunto l’assessore al Turismo Cecilia Del Re -. Essere partiti per tempo con l’accordo che ha portato nel 2019 Comune, Camera, Università e Regione a condividere obiettivi per un turismo di qualità e a selezionare un soggetto per la promozione della Destinazione Firenze ci consente oggi di presentare insieme una campagna con pacchetti e offerte che riguardano 100 imprese in città pronte ad accogliere chi vorrà venire a visitare la città e la sua area metropolitana”.

“Un’iniziativa, quella della piattaforma, che dà corpo all’intervento di rilancio che abbiamo condiviso in un momento di profonda crisi del turismo per la città – ha proseguito Leonardo Marras, assessore al turismo della Regione Toscana -. La buona adesione delle strutture è un segnale decisamente positivo, significa che la strada della sinergia e della promozione congiunta è quella giusta”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti