Aci Europe e Aci World sollecitano il G7 sui pass sanitari digitali interoperabili

Con l’inizio del vertice del G7 nel Regno Unito domani, Aci Europe e Aci World hanno scritto congiuntamente ai leader di Francia, Germania, Italia e Regno Unito per sollecitare una rapida attuazione dei pass digitali e per promuovere la riapertura sicura delle frontiere.

Poiché il numero di persone già vaccinate continua a crescere in tutto il mondo – e l’uso di test per mitigare la diffusione del Covid-19 continua – Aci Europe e Aci World hanno lavorato con i loro partner nel settore dell’aviazione e con il settore privato, per sviluppare principi e standard per i pass sanitari. L’interoperabilità contribuirà in modo determinante alla riapertura dell’aviazione, consentendo all’industria di essere un fattore chiave della ripresa economica globale dalla pandemia.

La chiave di successo sarà il riconoscimento da parte dei governi della documentazione sullo stato di salute, già in circolazione, come più di un miliardo di certificati di vaccino, prove di recupero e prove dei risultati dei test. Garantire che siano efficacemente integrati nel modo più fluido possibile, con verifica a monte (preferibilmente tramite check-in online) ed evitando duplicazioni. Ciò è essenziale per evitare il caos negli aeroporti con l’aumento del traffico aereo e ridurre le code e i tempi di attesa per i passeggeri.

Il direttore generale di Aci Europe, Olivier Jankovec e il direttore generale di Aci World, Luis Felipe de Oliveira hanno fatto presente che: “L’urgente necessità di ripristinare l’aviazione civile internazionale è indiscutibile in quanto è un motore chiave della ripresa economica per le comunità nazionali, regionali e globali che l’industria serve”. Inoltre, hanno sottolineato che “gli aeroporti sono pronti ad assistere in ogni modo possibile, ma hanno bisogno che i governi forniscano i quadri normativi necessari, il supporto tecnico e le risorse per l’implementazione efficace dei pass sanitari digitali. Esortiamo i leader del G7 a cogliere questa opportunità cruciale per sostenere lo sviluppo e l’introduzione di pass sanitari digitali e, soprattutto, a prendere tutte le misure possibili per garantire l’interoperabilità e l’integrazione di questi pass nel viaggio dei passeggeri. In effetti, l’uso di tessere sanitarie sicure, affidabili e che proteggono i dati degli utenti porterà vantaggi non solo all’industria aeronautica e potrebbe essere utilizzato per altre attività sociali ed economiche”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti