La Calabria è pronta

La Calabria è pronta con nuovi progetti nel paniere. In termini di immagine e promozione vuole puntare su quelli che Fausto Orsomarso, assessore al Lavoro, Sviluppo economico e Turismo, chiama “i 100 marcatori identitari per costruire un disegno nuovo su come debba essere vista nel mondo. Siamo alla vigilia della ripartenza, la scorsa estate siamo stati una delle prime mete del turismo nazionale, con la Costa degli Dei che ha sofferto tanto la mancanza di turisti stranieri”. Tra i progetti citati dall’assessore quello sul turismo delle radici, con l’obiettivo di portare circa 7 milioni di calabresi in giro per il mondo. Poi accenna al bando sui lidi, ai progetti di riqualificazione e al fatto di aver messo in campo tanti investimenti. Tra gli atout c’è l’affermazione nel contest Borgo dei Borghi, “un momento unico per la nostra città, da sfruttare, cosa che devono fare gli operatori”, esorta Giovanni Macrì, sindaco di Tropea. L’intenzione è creare “una località che sia in grado di competere con le più importanti mete italiane”. A fare da cassa di risonanza il fattore comunicazione, con la presenza in tv, per esempio, con la puntata di Linea Verde, in onda a fine giugno su Rai1. Alla domanda se Tropea sia pronta per l’estate, il sindaco dà risposta affermativa, “abbiamo lavorato tutto l’anno, siamo in perfetta forma e abito da sera. Tropea non si prepara più all’estate è sempre pronta”, dice. A portare i riflettori sulla regione è stato l’appuntamento organizzato da Fto Calabria in una diretta Facebook da Tropea. L’auspicio l’ha espresso in modo chiaro Danilo Parentela, referente regionale Fto Calabria, ed è “una ripartenza con una sinergia da parte di tutti, anche delle istituzioni”.
La Calabria gioca le sue carte e tra queste ci sono anche i borghi e chi li anima, tra storie, racconti e tradizioni. A portare alla scoperta di questo patrimonio è Danilo Verta, founder Vita Calabra Tours & Girls in Italy, lo fa attraverso i personaggi che li popolano, li chiama per nome, conosce la loro storia e la racconta. Oltre alla tradizione c’è anche l’innovazione, che ha visto giovani imprenditori portare una ventata di novità, aprendosi al pubblico, per far conoscere i percorsi produttivi. “Negli ultimi 20 anni il turismo è cambiato – osserva Lino Cangemi, general manager Master Group Italia -, prima nessuno parlava di vini e borghi calabresi. I giovani sono stati i pionieri del turismo calabrese, gli chef hanno portato l’arte culinaria all’estero e, con le sinergie tra imprese, abbiamo realizzato il prodotto Calabria”. La regione ha dalla sua una ricettività rinnovata, un portfolio interessante per gli operatori italiani e stranieri. “Abbiamo la fortuna di lavorare con il mercato estero per una stagionalità molto lunga, da marzo a novembre inoltrato – rileva Deborah Valente, ceo Gruppo Valentour Incoming Calabria -. La ricettività è pronta, con un’organizzazione che sta diventando sempre più importante, ci sono imprenditori giovani che hanno voglia di crescere. Gli operatori sono alla ricerca di nuovi clienti e c’è grande attenzione verso la regione”.

Stefania Vicini

Tags: , , , , , ,

Potrebbe interessarti