La Campania rafforza il patto con le adv

La Campania rafforza l’attenzione sul canale agenziale, consapevole dell’esigenza di dare una presenza specifica a questa figura “all’interno della programmazione regionale 2021”, come afferma Felice Casucci, assessore Turismo della Regione Campania durante l’evento organizzato da Fto dedicato all’offerta turistica della regione. A suo dire “l’adv è la controfigura dell’attore istituzionale” e deve avere “la consapevolezza di ciò che è, un presidio culturale fondamentale dell’offerta turistica regionale e nazionale”.
La regione ha stilato le linee programmatiche 2021, nel testo unico del turismo l’attenzione riservata al canale agenziale “sarà superiore perché pensiamo che la vera esigenza sia ripensare il ruolo, in particolare sull’incoming. Le adv e i t.o. devono fare i pacchetti turistici, devono ragionare sulla destinazione Italia o regionale”. Oltre che avere un ruolo propositivo nel vendere l’outgoing. Ciò che si deve evitare è “pensare le adv in una logica residuale, dove vendono servizi, ma non li pensano”.
Come lui stesso precisa “sono soggetti pensanti”, ma attenzione, si sta parlando di realtà legalizzate, non abusive, solo cosi “sono centrali per una vera ripartenza”, in una logica di collaborazione istituzionale. Non può che essere d’accordo Gabriele Milani, direttore nazionale Fto, con un discorso tutto improntato sul ruolo agenziale, ma quanto siamo capaci di comunicare il territorio?
“Ci sono più adv che uffici postali, hanno una presenza capillare sul territorio e possono rappresentare un valore aggiunto nella promozione anche rispetto ai buyer stranieri”. Tra le adv campane, che svolgono attività incoming, le idee non mancano e fanno leva sui diversi aspetti legati alla tradizione con una particolare attenzione alle tipicità locali. Si va dal vivere Napoli dal mare a bordo di un caicco, come propone Mister White Travel, con “Il fascino del Golfo di Napoli in caicco”, che abbina mare e tour della città, un viaggio per un cliente dinamico ed anche luxury.
Oppure l’idea di 14 Poerio Travel Agency per scoprire “Il folklore di Napoli viaggiando nella tradizione”, tra archeologia, musei, tour cittadini e tradizioni per chi non ha mai visto la città, con il gran finale di una lezione sulla pizza napoletana.
Inperoso Tour è specializzato sul turismo di nicchia e su una clientela vip con esigenze particolari a cui propone itinerari a bordo di uno yacht, con percorsi personalizzabili.
Per chi ama l’archeologia Campania Incoming gioca la carta dei tour archeologici, storico, artistici ed un focus sulla cultura della Campania e della zona vesuviana. Tra le proposte il tour di gruppo “La Campania insolita” tra arte, gastronomia e tradizione per conoscere la regione da vari aspetti, per esempio la Costiera Amalfitana attraverso la tipicità e la gastronomia, con la visita ai pastifici di Gragnano.
Sawadi Viaggi, invece, propone tour, pacchetti ed itinerari sul territorio di Caserta e provincia, suddivisi tra siti Unesco, archeologico e naturalistico, mentre l’adv Milagro Travel porta alla scoperta del Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, una parte che, seppur importante, non è ancora conosciuta come altre della regione.

Stefania Vicini

Tags: , , , , , , , ,

Potrebbe interessarti