Big dei cieli, i ceo: “Via le restrizioni di viaggio, rivedere la Ue-261”

Lo stop immediato a tutte le restrizioni ai viaggi intra-Ue, quantomeno per i vaccinati; il sostegno dei governi nazionali per spingere l’acceleratore sull’ecosostenibilità e sui carburanti green e la revisione del regolamento Ue 261 sui diritti dei passeggeri. Sono queste le richieste che arrivano dal summit annuale di Airlines for Europe, che ha messo allo stesso tavolo i ceo di easyJet, Ryanair, Air France-Klm, Lufthansa e Iag.

“Abbiamo bisogno di poter viaggiare in sicurezza ma senza restrizioni – ha osservato il ceo di easyJet Johan Lundgren -, la scienza è chiara, è già possibile tornare alla normalità. La pandemia è la dimostrazione dei limiti della Ue 261, che non è stata pensata per cancellazioni di massa. Le compagnie di A4E hanno pagato più di 10 miliardi di euro in rimborsi, è necessario riformare le regole”.

“Questa legge – gli ha fatto eco Benjamin Smith, ceo di Air France-Klm – è molto punitiva, tra le più punitive al mondo, e va assolutamente riformata. Serve più equilibrio, soprattutto per le cose che le compagnie non sono in grado di controllare”.

“Nel 2021 il comparto perderà 39 miliardi di euro di profitti, dei quali 18 nella sola Europa – ha spiegato Thomas Reynaert, managing director A4E -. RIpartire è necessario. In più, anche il cielo unico europeo è a rischio, molte politiche nazionali rischiano di essere in contrasto con questo concetto, specie quelle sovraniste”.

Quanto al recupero “abbiamo tre scenari – ha rimarcato Reynaert – il migliore dei quali vede il ritorno ai livelli 2019 nel 2023, mentre il peggiore prevede il raggiungimento del 74% della situazione pre-Covid solo nel 2024. Le priorità sono cinque: ridare ai cittadini la libertà di movimento, ricostruire la fiducia dei passeggeri, essere più verdi, mettere in sicurezza il cielo unico europeo e mantenere il travel alla portata di tutti, anche attraverso i regolatori nazionali, ad esempio nel rapporto tra compagnie e aeroporti”.

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti