Google: stop a prenotazioni di tour e attività

Google ha informato i fornitori e i partner dell’eliminazione di “Reserve with Google” per le prenotazioni di tour e attività a partire dal 1° agosto. Nel renderlo noto Skift commenta che la mossa “non significa che Google stia diventando meno potente nei viaggi; fa parte della strategia dell’azienda per ottenere coerenza in tutti i suoi prodotti nell’offrire una combinazione di pubblicità e inserzioni gratuite per guadagnare un pubblico ancora più ampio”. “Reserve with Google” ha permesso agli operatori di tour e attività di catturare le prenotazioni nelle loro inserzioni aziendali con la società di Menlo Park senza che i viaggiatori debbano navigare in altri siti web.

“Vorremmo informarvi del fatto che ‘Reserve with Google’ per i tour, le attività e le attrazioni verrà chiuso ufficialmente il 1 ° agosto 2021. Questo significa che il pulsante ‘Acquista biglietti’ non sarà più attivo dopo il 31 luglio”, ha reso noto Google .

La strategia consiste nel raggiungere una coerenza tra i suoi vari prodotti per scopi di monetizzazione. Così, proprio come Google ha trasformato il suo prodotto di metasearch per hotel, “Google Hotels”, in una combinazione di pubblicità e link gratuiti, farà lo stesso con tour, attività e esperienze.

Un portavoce di Google ha fornito una dichiarazione in merito: “Abbiamo intenzione di pilotare l’introduzione di link per la prenotazione di biglietti su Google Search, in modo che gli utenti possano facilmente confrontare le opzioni per visitare le loro attrazioni preferite”.

Una decisione diversa dal modo in cui la società gestisce Google Hotels, Google Vacation Rentals e Google Flights, che sono pacchettizzati nel servizio di comparazione dei prezzi di Google Travel.

Google offrirà inizialmente il ticketing per le attrazioni – vale a dire luoghi come parchi a tema o musei, e non necessariamente tour gastronomici, per esempio – in Google Search. I consumatori saranno presumibilmente in grado di iniziare nella ricerca di Google e poi prenotare queste attrazioni sui siti web delle attrazioni o dei partner delle agenzie di viaggio online. I link di prenotazione dei partner sarebbero gratuiti nella fase iniziale. Google non sarebbe compensato per i clic.

Abbandonando “Reserve with Google”, l’azienda californiana potrà fornire più attenzione alla costruzione del prodotto. “Come abbiamo condiviso in precedenza, Google sta continuando a investire profondamente in soluzioni per gli utenti e i partner in questo settore”. Tuttavia non sembra una coincidenza che Google stia riducendo i suoi servizi di prenotazione in un periodo in cui il suo potere nei viaggi e in altri settori verticali è sotto pressione.

Tags:

Potrebbe interessarti