Regole di accesso in Grecia, gli aggiornamenti

Tra i primi Paesi ad aprirsi ai flussi turistici internazionali, la Grecia aggiorna sulle condizioni di accesso. A partire dallo scorso 14 maggio, i viaggiatori in arrivo in Grecia devono avere con sé un certificato rilasciato da un laboratorio di analisi di un test Pcr negativo per il Covid-19, effettuato non più di 72 ore prima dell’arrivo o un certificato antigene negativo (rapido) non più di 48 ore prima dell’arrivo. Questo test è obbligatorio per tutti i turisti (compresi i bambini di età superiore ai 12 anni), indipendentemente dalla situazione epidemiologica nel paese di partenza.  La prova di un test negativo non è richiesta tuttavia per i viaggiatori che hanno completato la vaccinazione (cioè sono trascorsi 14 giorni dall’ultima vaccinazione, a seconda delle dosi richieste) e sono in possesso di un certificato vaccinale.

La prova di un test Pcr negativo non è richiesta se il viaggiatore è risultato positivo al Covid negli ultimi 30-180 giorni. Ciò può essere dimostrato presentando un risultato positivo del test molecolare Pcr o antigene eseguito da un laboratorio autorizzato o un certificato medico che confermi che il titolare è risultato positivo al test con infezione da virus Sars-CoV-2. Il certificato viene rilasciato 30 giorni dopo il giorno del primo test positivo ed è valido per 180 giorni seguenti.

Ogni viaggiatore in arrivo in Grecia, indipendentemente dal certificato in suo possesso, potrebbe essere sottoposto a uno screening sanitario a campione. Per chi viene selezionato, il test è obbligatorio: in caso di rifiuto, le autorità si riservano il diritto di negargli l’ingresso nel paese. La  selezione viene effettuata tramite un sistema di campionamento mirato “Eva”, utilizzato anche nell’estate del 2020. L’ingresso dei turisti in Grecia non è soggetto a vaccinazione obbligatoria. Presentare un certificato di vaccinazione facilita notevolmente le formalità all’arrivo. Tuttavia, in nessun caso un certificato di vaccinazione o di presenza di anticorpi è considerato un “passaporto”.

Inoltre, i passeggeri provenienti dalla Russia dal 30.06 devono portare un test negativo Pcr rilasciato da un laboratorio ed effettuato entro le 72 ore antecedenti l’ingresso in Grecia oppure un test negativo  antigenico (rapido) effettuato entro le 48 ore antecedenti l’ingresso in Grecia, indipendentemente dal fatto che siano vaccinati o meno. I paesi da cui è consentito l’ingresso, alle suddette condizioni, senza l’obbligo di un successivo autoisolamento sono i seguenti: stati dell’Unione Europea e dell’Area Schengen, Stati Uniti d’America, Regno Unito, Albania, Armenia, Australia, Azerbaijan, Bahrein, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Brunei, Canada, Cina, Israele, Giappone, Giordania, Kosovo, Kuwait, Libano, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Macedonia del Nord, Qatar, Federazione Russa*, Ruanda, Arabia Saudita, Serbia, Singapore, Korea del Sud, Thailandia, Emirati Arabi, Ucraina. * I passeggeri provenienti dalla Russia dal 30.06 devono portare un test negativo Pcr rilasciato da un laboratorio ed effettuato entro le 72 ore antecedenti l’ingresso in Grecia oppure un test negativo antigenico (rapido) effettuato entro le 48 ore antecedenti l’ingresso in Grecia, indipendentemente dal fatto che siano vaccinati o meno

Le autorità greche, inoltre, consigliano vivamente ai cittadini di paesi terzi di scegliere voli diretti per la Grecia. In qualsiasi altro caso, i viaggiatori devono attenersi ai requisiti del paese di scalo. I passeggeri possono entrare nel paese attraverso tutti gli aeroporti internazionali e tutti i porti. E’ permesso viaggiare su navi da crociera e imbarcazioni private. I collegamenti marittimi con la Turchia sono temporaneamente soggetti a restrizioni.

Gli alberghi sono aperti, nel rispetto dei protocolli sanitari vigenti. Durante la giornata c’è libertà di movimento senza limiti. È consentito viaggiare in tutta la Grecia continentale (in treno, autobus o macchina). Prima di mettersi in viaggio, non è obbligatorio, ma fortemente consigliato, sottoporsi a un self-test per il Covid-19.

I viaggiatori in aereo o in traghetto per le isole (eccetto Lefkada, Evia e Salamina) dovranno mostrare agli ufficiali di bordo uno dei seguenti documenti a seconda della fascia di età: se adulti, un certificato di vaccinazione contro il Covid-19, rilasciato da un’autorità nazionale in lingua inglese, francese, tedesca, italiana, spagnola o russa, a condizione che siano trascorsi quattordici giorni dalla loro vaccinazione completa, oppure il risultato negativo di un test molecolare PCR per il Covid-19, effettuato non più di 72 ore prima di mettersi in viaggio; oppure un test antigenico (rapido) effettuato nelle ultime 48 ore, oppure un certificato medico di avvenuta infezione da Covid-19, rilasciato da un’autorità nazionale o un laboratorio di analisi accreditato, in lingua inglese, francese, tedesca, italiana, spagnola o russa. Il certificato deve essere rilasciato dopo trenta giorni dalla data del risultato positivo del test e resta valido per sei mesi.

Se minori (dai 12 ai 17 anni), uno qualsiasi dei documenti di cui sopra o un self test effettuato fino a 24 ore prima dell’imbarco (il risultato deve essere inserito sulla piattaforma self-testing.gov.gr). In caso di bambini di età inferiore ai dodici (12) anni viaggiano liberamente.

I documenti dei test PCR molecolari negativi e dei test rapidi possono essere sia in formato cartaceo sia elettronico. I passeggeri che presentano un test effettuato all’estero e ancora valido al momento dell’imbarco possono procedere verso la loro destinazione finale senza ulteriori indugi. Anche i passeggeri dei traghetti costieri prima dell’imbarco dovranno compilare un questionario.

Sui mezzi di trasporto pubblico (metropolitana, autobus, filobus) e taxi è obbligatorio indossare la mascherina negli spazi al chiuso, compresi i mezzi di trasporto pubblico e i pullman interurbani. È prevista una multa per chi non la indossa. I taxi possono trasportare fino a tre passeggeri oltre al conducente, tranne quando trasportano membri della stessa famiglia. È obbligatorio indossare la mascherina.

Infine, se c’è bisogno di essere sottoposto a screening per SARS-CoV-2 prima del viaggio di ritorno, si può visitare la mappa delle sedi dei test diagnostici Covid-19, a cui puoi accedere tramite l’app Visit Greece disponibile per il download in inglese e greco.

Tags: ,

Potrebbe interessarti