Discover Italy: l’incoming riparte da Sestri

Un’edizione letteralmente da sold out, con una lunga serie di buyer provenienti dall’Europa e dal mondo, un gran numero di operatori in vetrina e partner istituzionali d’eccezione, con i sei Comuni sponsor dell’evento – Camogli, Chiavari, Lavagna, Santa Margherita, Sestri Levante e Portofino – che per la prima volta si presentano come unica destinazione e con una decina di regioni pronte a raccontare la propria strategia turistica. Si presenta così, il nuovo appuntamento con Discover Italy, il workshop b2b di GiVi dedicato all’incoming italiano.

Anche quest’anno sarà Sestri Levante ad ospitare l’evento, il 15 settembre 2021 nell’Ex Convento dell’Annunziata, per un’edizione che “sarà ancora più ricca e vedrà triplicare il numero delle regioni presenti”, spiega Paolo Bertagni, presidente di GiVi. L’organizzatore aggiunge che “sono raddoppiati anche i seller che parteciperanno al workshop, che supereranno le cento unità. Discover Italy si riconferma un appuntamento di riferimento e d’interesse nazionale e internazionale, non solo grazie al supporto di Enit ma anche a una rappresentanza del Ministero del Turismo, che ha confermato la propria presenza”.

I focus e i buyer
Enit e Ministero del Turismo saranno infatti protagonisti, insieme alle regioni, di uno dei main event del workshop, “una presentazione, ospitata dal Covo di Nord Est, sulle strategie e gli obiettivi del comparto turistico per i prossimi mesi – sintetizza Bertagni -. Per quanto riguarda i buyer, sono confermati in presenza quelli provenienti dai Paesi europei e stiamo lavorando su un eventuale impiego di voli Covid free per gli operatori provenienti dagli Stati Uniti”.

I tour
L’edizione 2021, inoltre, vede arricchirsi ulteriormente il portfolio dei pre e post tour a disposizione dei buyer: borghi e castelli del Monferrato, Golfo del Tigullio e Portofino, Valle d’Aosta green, La Spezia dal Golfo dei Poeti fino alle Cinque Terre. Come detto in apertura, l’appuntamento del 15 settembre è già sold out: la vendita degli spazi espositivi è stata chiusa il 1° luglio, tutti i seller in lista d’attesa potranno partecipare all’edizione 2022 che torna nel consueto periodo primaverile, ovvero il 7 aprile. Gli altri partner organizzativi dell’evento sono Mediterraneo, società che gestisce l’Ex Convento dell’Annunziata, e i consorzi Liguria Together, Portofino Coast e Sestri Levante In.

Le aspettative dei Comuni
“Conferme e nuove possibilità di lavoro per i nostri operatori”: è così che il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio sintetizza le aspettative per il workshop, che “ospitiamo da diversi anni proprio nella consapevolezza della grande importanza che riveste per gli operatori del territorio che hanno la possibilità di incontrare e mostrare il Tigullio ai buyer che ci raggiungeranno. Questo è il primo anno che lo facciamo come territorio nel suo complesso, una scelta in cui crediamo fortemente e che abbiamo voluto per presentarci compatti sul mercato del turismo, con un’offerta variegata e complementare capace di lasciare un segno nei tour operator che saranno presenti”.

Per Gianluca Ratto, assessore alla Promozione della città di Chiavari, il workshop è “un’occasione importante per i nostri operatori turistici, fondamentale per stringere accordi e instaurare relazioni con t.o. stranieri, anche di Paesi che conoscono poco la nostra regione. Collaborazioni strategiche che possono garantire una continua crescita sia a livello numerico, sia qualitativo: investire in questo tipo di eventi è un valore aggiunto per la nostra città. Crediamo fortemente nelle fiere internazionali del turismo e lo abbiamo dimostrato con una politica di marketing comprensoriale”.

“Promuovere un territorio che non è ancora conosciuto nella sua interezza, soprattutto per quanto riguarda l’entroterra” è invece l’obiettivo di Lavagna, nelle parole del vicesindaco e assessore al Turismo Elisa Covacci, che aggiunge come il workshop aiuterà a “evidenziare l’offerta variegata dell’ospitalità – dai resort unici come Villa Riviera o OliveNere ai b&b sul mare – con km di costa con ottimi servizi balneari”.

La novità in pipeline di Camogli è invece un nuovo portale web realizzato dal Comune e da Ascot che, come spiega Elisabetta Anversa, assessore al Turismo e vicesindaco, avrà come core business “la promozione turistica, mentre l’Associazione strutture ricettive lavorerà per coinvolgere i turisti a conoscere al meglio Camogli con il programma settimanale”.

E poi c’è Santa Margherita Ligure, che spiega attraverso il consigliere comunale Arianna Sturlese e il dirigente Alessandro Russo come “il Tigullio deve proporsi come meta turistica nel suo insieme: da questo punto di vista Discover Italy è sicuramente un’ottima base di partenza”. In pipeline c’è “un complesso piano di rebranding” e campagne internazionali “mirate ad alcuni target, come Regno Unito e Russia, direttamente collegati al nostro aeroporto”.

Infine c’è Portofino, perla ligure che – come rivela la consigliera al Marketing e alla Comunicazione Emanuela Morabito – al workshop “presenterà il porto e il Castello Brown, prodotti che sono stati acquisiti nell’ultimo anno e fanno parte della nostra offerta”, sempre molto richiesta dai mercati esteri e che “potrà essere espansa dal lavoro di squadra che si prospetta anche in occasione di Discover Italy”.

Tags: , , , , , , , ,

Potrebbe interessarti