Trademark Italia: un’altra stagione “zoppa”

“Siamo di fronte ad un’altra stagione zoppa”. Esordisce così Stefano Bonini, senior partner Trademark Italia. “La poca chiarezza sul tema del pass vaccinale – prosegue – non favorisce la piena ripresa del turismo internazionale che, d’altra parte, continua a scontare l’asimmetria pandemica, come dimostra la variante Delta nel Regno Unito e i recenti casi di Maiorca e Israele”. Il rischio, se tale si può considerare, è che anche l’estate 2021 sarà una stagione basata quasi esclusivamente sul turismo interno. “Che sappiamo bene non essere in grado di garantire performance economiche adeguate alle città d’arte, alle destinazioni premium e agli hotel del segmento upper upscale e luxury”, sottolinea il manager.

Analisi recenti di Trademark e altri studi di mercato spiegano che gli italiani in vacanza quest’estate saranno più o meno gli stessi dello scorso anno e del 2019, tra i 32 e i 35 milioni e l’85% circa farà tra l’altro vacanze in Italia.  Molti di questi hanno già prenotato le proprie vacanze estive che saranno per la maggior parte balneari, come da tradizione e concentrate soprattutto tra la seconda metà di luglio ed agosto.

“Rispetto allo scorso anno – commenta Bonini – si segnala un ulteriore miglioramento della performance per la montagna italiana grazie alle sue caratteristiche favorevoli per il turismo outdoor e attivo a contatto con la natura, e per il turismo slow tra cammini e piccoli borghi in linea con quella voglia di tranquillità e spazio che la pandemia ha generato in molti di noi. Per il mese di settembre saranno soprattutto gli eventi a fare la differenza, consentendo alle località di allungare la stagione”. L’auto, secondo Trademark, si conferma nettamente il mezzo di trasporto preferito (la scelgono 7 italiani su 10), e anche per questo saranno premiate le destinazioni turistiche vicine ai grandi serbatoi urbani soprattutto del Nord, nel raggio di 4-5 ore di macchina, in attesa che il trasporto aereo torni alla normalità. Il soggiorno medio è in linea con le italiche abitudini: almeno una settimana, il tempo necessario per fuggire dalla routine quotidiana e dallo stress che il Covid ha generato nelle persone.

Laura Dominici

Tags: ,

Potrebbe interessarti