Food e outdoor, la Liguria a Discover Italy

Agenzia in Liguria, insieme ai propri operatori, prenderà parte a Discover Italy che si svolgerà il prossimo 15 settembre nell’ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante. Un’occasione per ripartire e presentare nuovi prodotti ai buyer internazionali.

I food ambassador e i borghi 

“In seguito all’emergenza Covid si è rafforzata la convinzione che i punti di forza a livello di prodotto sono quelli legati all’unicità del territorio e al turismo esperienziale. Possiamo dire che con la crisi pandemica abbiamo avuto conferma di quella che è la politica da attuare. -spiega Roberto Moreno, commissario dell’Agenzia in Liguria– Certamente presenteremo i nostri tre food ambassador: olio, vino e basilico, punte di diamante di quel format che coinvolge i produttori, ristoranti, cantine, vinerie, frantoi, agriturismi, ma anche i food blogger e gli influencer che hanno abbracciato con noi la filosofia dell’accoglienza e la valorizzazione delle tipicità enogastronomiche. Con food ambassador abbiamo intrapreso un importante percorso di sviluppo del prodotto turistico basato sulle eccellenze dei prodotti tipici e dell’enogastronomia locale. Altrettanto importante è il turismo esperienziale collegato ai nostri borghi, che rappresentano un punto di forza e che in questi ultimi anni sono sempre stati in vetta al gradimento dei turisti”.

Nuovi prodotti

Tra le ultime novità di prodotto, il progetto trekking Gal Alta Via 2020: iniziativa di cooperazione regionale che punta sulla creazione di un prodotto turistico regionale basato sulla valorizzazione dell’Alta Via che unisce l’arco montuoso della Liguria. “L’obiettivo ambizioso parte dalla necessità di creare un sistema logistico e infrastrutturale da offrire ai turisti green che sceglieranno la Liguria: dalla federazione di vie di collegamento tra il tracciato principale e i borghi montani, alla nascita di punti tappa con servizi adeguati attraverso il rafforzamento delle iniziative turistiche locali. -prosegue Moreno- C’è poi la promozione della destinazione Liguria, attraverso il marchio Ligurian Luxury Destinations – Italian Riviera: prodotto che da Sanremo alle Cinque Terre, si concretizza con il raggruppamento di imprese legate al settore alberghiero ha come obiettivo quello di fare sistema cercando di presentarsi a nuovi mercati uniti ai grandi player mondiali del turismo”.

Summer e incoming

“L’estate è partita bene e le strutture ricettive stanno ricevendo prenotazioni che fanno ben sperare. Con il ritorno in zona bianca, l’arrivo del green pass e la fine delle mascherine all’aperto, abbiamo fatto nuovi passi verso il ritorno alla normalità: le previsioni in quest’ottica sono positive e se a giugno si sono fatti buoni numeri nel fine settimana, a luglio e agosto contiamo sul pienone. Il turismo di prossimità, in particolare dalla Liguria stessa e ancor più dalle regioni italiane del nord come il Piemonte e la Lombardia, è quest’anno fondamentale. Regione Liguria e l’Agenzia hanno fatto una campagna di promozione verso questi settori. I dati ci dicono che stanno tonando gli stranieri, soprattutto gli europei. In questo caso è fondamentale il green pass e l’accordo interno alla Ue sulla mobilità turistica. I target, in quest’ottica, restano i tedeschi, i francesi, i britannici”.

Discover Italy e il 2022

“Il workshop è una vetrina importante che arriva in un momento fondamentale di grande cambiamento e di rilancio. Per questo ci aspettiamo molto e siamo convinti che la nostra partecipazione potrà fungere da volano per il turismo ligure. In questo periodo post pandemia si stanno affacciando nuovi target turistici. La nostra regione deve puntare sulle sue qualità innate che la rendono un territorio turisticamente unico: natura, gourmet e naturalmente mare. Il target del turista disponibile a una vacanza in Liguria è quello di chi ama il turismo esperienziale, l’outdoor, naturalmente la cultura e l’arte con riferimento in particolare a Genova, la buona tavola intesa con scoperta dei prodotti territoriali. La crisi ci ha costretti a ripensare il sistema turistico. Sarà di fondamentale importanza, in uno scenario post-crisi in cui il distanziamento sociale sarà ancora presente, offrire una destinazione sostenibile, accessibile e green: sono questi i tre attributi da associare al termine turismo per traguardare il futuro. La Liguria è un territorio perfetto per un turismo all’aria aperta che premette di godere del mare e del suo entroterra 365 giorni all’anno grazie al suo microclima, soddisfacendo così ogni tipo di bisogno emozionale: dallo sport alla cultura, dall’enogastronomia alla scoperta del territorio” conclude il commissario.

Sveva Faldella

Tags: , ,

Potrebbe interessarti