Allarme Codacons: con Green pass disagi e rallentamenti

Un caos totale quello che si sta registrano negli aeroporti italiani a danno dei cittadini che devono spostarsi per raggiungere le località di villeggiatura. Lo denuncia il Codacons, dopo il caso dei turisti diretti in Grecia bloccati a Malpensa perché sprovvisti del modulo Plf (Passenger Locator Form).

“Sul fronte di viaggi, voli e vacanze si stanno moltiplicando i disagi a danno degli utenti causati dalla mancanza di informazioni e da indicazioni contraddittorie circa le procedure burocratiche da espletare per potersi imbarcare e raggiungere destinazioni estere – spiega il Codacons –. Situazione complicata dalle operazioni legate al controllo del Green Pass presso gli aeroporti, che sta generando rallentamenti e problemi nei principali scali italiani, con code e attese estenuanti per i passeggeri”.

Il Codacons ricorda i diritti dei viaggiatori nel nuovo contesto Covid che sta caratterizzando viaggi e partenze:

– in caso di mancata partenza causata da errate o mancate informazioni fornite da agenzie di viaggio e tour operator, è possibile rivalersi su tali operatori per il risarcimento del danno subito o il rimborso delle maggiori spese sostenute;
– è consigliabile prima della partenza stipulare una polizza assicurativa che copra cancellazioni dei viaggi imputabili al viaggiatore, spese mediche, rientri anticipati, ecc.;
– pagando un sovraprezzo è possibile acquistare biglietti aerei che garantiscono il rimborso integrale in caso di mancata partenza o la modifica senza spesa della data del volo;
– per hotel, case vacanza e strutture ricettive in genere, è consigliabile optare per sistemazioni che prevedano il rimborso parziale o integrale del pernotto in caso di mancata partenza;
– nel caso in cui il pese estero meta del viaggio preveda restrizioni per gli ingressi sul territorio, si ha diritto al rimborso integrale di quanto pagato o ad un voucher di pari importo;
– in caso di mancata partenza a causa di positività al Covid è possibile chiedere a compagnie aeree e strutture ricettive il rimborso di quanto pagato, allegando la certificazione medica.

Tags:

Potrebbe interessarti