Aerei, treni, navi e bus: verso il pass obbligatorio

Di fronte alla curva dei contagi che risalgono il Governo lavora alle contromisure. Sarebbe atteso per domani l’incontro della cabina di regìa sul Covid, che allargherà l’impiego del green pass, spiega il Sole 24 Ore. A seguire si terrà il Consiglio dei ministri che dovrebbe prorogare lo stato di emergenza, anche fino a dicembre, e stabilirà le nuove regole per fronteggiare la variante Delta. A partire dall’estensione dell’obbligatorietà del green pass che dovrà essere esibito anche nei ristoranti al chiuso.

La decisione ufficiale però non è stata ancora presa. La maggioranza è spaccata, frenano anche le regioni, che chiedono l’uso del pass per ristoranti e locali al chiuso solo nelle aree al di fuori della zona bianca. I governatori chiedono inoltre di introdurre l’obbligo di accesso con il green pass a discoteche e grandi eventi per permettere, almeno nella fase attuale, la riapertura di queste attività ancora chiuse. Sembra ormai certo che il pass sarà obbligatorio per i viaggi su aerei, treni, navi e bus a lunga percorrenza, ma anche in stadi oltre la capienza del 25%, grandi eventi, concerti, cinema e teatri al chiuso, piscine, palestre e discoteche (ma balli solo all’aperto e con capienza al 50%). C’è accordo invece sul fatto che il green pass allargato sarà rilasciato solo dopo aver completato il ciclo di vaccinazione, non più con una sola dose.

L’entrata in vigore delle nuove regole sul green pass è un altro tema cruciale, perché condizionerà la pianificazione delle ferie da parte degli italiani, molti dei quali ancora non vaccinati o ancora in attesa del richiamo. Il nuovo green pass dovrebbe entrare in vigore a inizio agosto.

Tags:

Potrebbe interessarti