Ingressi in Italia: emessa l’ordinanza del ministero della Salute

Fto aggiorna sulla sua pagina Facebook in merito all’ordinanza del ministero della Salute del 29 luglio, valida dal 30 luglio al 31 agosto, che è stata firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Scadono, infatti, oggi le regole del Dpcm del 2 marzo 2021.

E’ stata aggiornata la lista paesi Elenco C che comprende: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco, Israele.

Per Israele l’ingresso in Italia è consentito a determinate condizioni.

E’ stata agggiornata la lista Paesi Elenco D, comprende: Albania, Arabia Saudita, Armenia, Australia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, Libano, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Qatar, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell’isola di Cipro ed esclusi i territori non appartenenti al continente europeo), Repubblica di Corea, Repubblica di Macedonia del Nord, Serbia, Singapore, Stati Uniti d’America, Ucraina; Taiwan, Regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao (in grassetto sono indicati i nuovi Paesi – sono stati eliminati Ruanda e Thailandia che passano quindi in elenco E).

Per chi ha soggiornato in uno di questi stati l’ingresso è consentito alle seguenti condizioni: PLF; tampone 72h (48h per Regno Unito e Irlanda del Nord); isolamento fiduciario di 5 giorni + tampone al termine dell’isolamento.

Per Canada, Stati Uniti e Giappone sono richiesti PLF; Certificato Verde Covid (o equivalente). Resta invariato quanto stabilito per gli Stati dell’elenco E.

I bambini al di sotto dei 6 anni sono esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.

Il Messaggero sottolinea che si mantiene la quarantena di 10 giorni per i Paesi extra-europei fatta eccezione per quelli della lista raccomandata dall’Ue per i quali la quarantena è ridotta a 5 giorni. Per i Paesi europei e dell’area Schenghen, oltre che per Canada, Giappone, e Stati Uniti è prorogato il regime di ingresso con i requisiti della certificazione verde.

Tags: ,

Potrebbe interessarti