Norwegian: migliora la situazione finanziaria

Norwegian Air ha riportato un ritorno in attivo nella prima metà dell’anno dopo un aumento di capitale di 6 miliardi di corone norvegesi (Nok), scrive Travelweekly. Il vettore ha completato un processo di ricostruzione dopo aver ridotto le operazioni e abbandonato i servizi a lungo raggio a tariffe basse da aeroporti come Gatwick per sopravvivere alla pandemia.

Il vettore ha registrato un utile ante imposte di 1,6 milioni di Nok (134.000 sterline) nei primi sei mesi del 2021 contro una perdita di quasi 4,8 milioni di Nok nello stesso periodo dell’anno scorso. Ciò è avvenuto nonostante le entrate totali siano crollate del 92%. I risultati hanno continuato a essere influenzati dal Covid-19 e dalle restrizioni di viaggio in tutti i mercati, ha affermato la compagnia aerea.

In miglioramento

Tuttavia, il vettore è ora “ben posizionato per la crescita futura” e per rispondere all’aumento della domanda dei clienti. Dal canto suo, l’a.d. Geir Karlsen ha dichiarato: “La relazione finanziaria del primo semestre e i risultati del secondo trimestre segnano un netto miglioramento sia della situazione finanziaria, grazie ai minori costi operativi e al completamento con successo del processo di ricostruzione della società, sia al graduale aumento delle nostre operazioni in risposta all’aumento della domanda dei passeggeri”. Solo 32 velivoli erano operativi durante la prima metà del 2021 a causa delle restrizioni di viaggio e della minore domanda.

Karlsen ha aggiunto anche che “i risultati continuano ad essere pesantemente influenzati dalle restrizioni sui viaggi internazionali. Tuttavia, Norwegian è ora in una posizione finanziaria molto più solida ed è in grado di pianificare il futuro con rinnovata fiducia e concentrazione. Le prenotazioni in avanti continuano ad aumentare in risposta all’allentamento delle restrizioni di viaggio e al lancio di programmi di vaccinazione internazionali. Ci aspettiamo – ha fatto presente il manager – di veder proseguire questa tendenza nei restanti mesi del 2021 e fino al 2022”.

Tags:

Potrebbe interessarti