Alitalia, i sindacati chiedono la Cigs fino al 2025

Quattro anni di cassa integrazione straordinaria. E’ questa la richiesta dei sindacati per i lavoratori di Alitalia che non rientreranno in Ita, e che le sigle vorrebbero garantiti fino al 2025, ossia per una durata giudicata “commisurata” alle prospettive del piano della newco.

Il dialogo in corso tra le parti sociali e il ministero del Lavoro parte dall’assunto che un anno di Cigs è giudicato insuffficiente. All’incontro di stamattina – al quale hanno partecipato Anpac, Anpav, sigle confederali e Usb, erano presenti anche il direttore generale del ministero del Lavoro, De Camillis, il direttore generale del Mims Settore Trasporto Aereo, Fiorillo, i commissari straordinari del gruppo Alitalia, il direttore generale Zeni e lo staff.

“Abbiamo colto l’occasione per ribadire la necessità di mettere in campo tutte le iniziative necessarie per mettere velocemente in campo gli strumenti tecnicamente necessari per provvedere al mantenimento delle licenze – abilitazioni – certificazioni del personale e riqualificazione professionale per l’acquisizione di nuove competenze idonee a favorire le future prospettive lavorative. In materia, de Camillis ha dato positivo riscontro rispetto alla necessità di costruire la risposta adeguata di concerto con le Regioni. In considerazione dell’estrema urgenza e importanza della materia, il Ministero, a valle di una serie di verifiche necessarie, convocherà un nuovo incontro”, sottolineano Anpac e Anpav in una nota.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti