Il travel tra rischio e scalabilità

Potrebbero portare a un big fail oppure a un ritorno senza precedenti. Oggigiorno gli investimenti nella travel industry sono allo stesso tempo incerti e volatili quanto potenzialmente remunerativi.

Mentre gli impatti sociali ed economici a breve termine della pandemia si stanno lasciando alle spalle terre bruciate, un effetto frusta sta attraversando le realtà più solide, impegnate oggi nella ricerca di risorse, a rifare i modelli di business e a fornire un servizio adeguato alla nuova, crescente domanda. Se varianti e carenza di personale alimentano l’incertezza, secondo un’analisi di PhocusWire la tendenza all’aumento della domanda è ormai chiara e gli operatori stanno investendo per il futuro e valutando l’impatto a lungo termine.

Al viaggio non si rinuncia

Uno degli insegnamenti chiave è che il travel è molto più resistente e dinamico di quanto persino i più ottimisti esperti del settore avessero previsto prima della pandemia. La spesa per i viaggi è una potente tendenza globale. Le persone amano viaggiare, è radicato nelle loro visioni di se stessi e del mondo, ed è un’esperienza che non sacrificheranno a meno che non sia assolutamente necessario.

Come nota un recente rapporto McKinsey: Dopo la cena fuori, il viaggio è l’attività più desiderabile tra i consumatori con reddito disponibile, un fatto confermato dal robusto ritorno al leisure quest’estate nei Paesi in cui i consumatori sono stati autorizzati a muoversi liberamente.

Ma “viaggi” è una categoria enorme, che include tempo libero e corporate, gruppi e solotraveller, hotel, aerei, noleggio auto e crociere e la ripresa finora è stata, e con ogni probabilità continuerà a essere, disomogenea tra i vari settori .

La strada per capire il futuro è anticipare la direzione della spesa dei consumatori e, allo stesso tempo, concentrarsi su quelle aree di investimento che il Covid ha esposto come in rapida crescita.

Il boom dell’alternativo

Uno spostamento dell’1% della quota di mercato degli alloggi negli Stati Uniti dagli hotel agli alloggi alternativi si traduce in più di 2,5 miliardi di dollari in prenotazioni. Guardando l’ecosistema che continua a crescere intorno agli alloggi alternativi, la value chain sembra più solida che mai.

Sonder, Vacasa e Casai hanno ottenuto enormi finanziamenti nel 2020, anche nei giorni più bui. Airbnb ha eclissato tutte le aspettative con la sua Ipo (offerta pubblica iniziale). E l’atteso debutto pubblico di Sonder questo autunno fa presagire una nuova iniezione di interesse per gli investimenti pubblici.

Il vento in poppa non è solo per i giganti ma, secondo gli analisti, anche per fornitori più di nicchia come, per esempio, BookingPal e Noiseaware mentre l’ecosistema si espande dall’alto e dall’interno, spinto dalla continua spesa dei consumatori.

La pandemia ha spinto i viaggiatori verso esperienze all’aperto, comprese le visite record a parchi naturali e a tema e ai viaggi in camper. Le sistemazioni di tipo glamping, le nuove piattaforme di prenotazione per i viaggi outdoor e i mercati peer-to-peer offrono interessanti opportunità di investimento in tutto il mondo.

Hôtellerie nel vortice dell’innovazione

Per il settore ricettivo la pandemia ha dato grande impulso al cambiamento. Riguardo alla tecnologia alberghiera, le interruzioni sono servite da catalizzatore di innovazione in tutta la catena. Il cambiamento nel comportamento dei consumatori ha spinto gli hotel verso modelli più flessibili di fornitura del servizio. L’aumento del costo del lavoro e dei materiali ha accentuato l’urgenza e ha reso indispensabili le tecnologie in grado, se non di generare saving, almeno di contenere la spesa. Tra le start up figurano oggi piattaforme gestionali in grando di combinare una proposta di branding B2C all’avanguardia con un nuovo modello di efficientamento nella gestione delle proprietà.

L’eredità dei property management system è spesso un ostacolo alla spinta innovativa ma le nuove soluzioni promettono una maggiore flessibilità ed estensibilità attraverso le funzioni tecnologiche. Il superamento di questi  limiti consente l’accesso a nuove opportunità di investimento e innovazione, compresi i sistemi di check-in e pagamento senza contatto.

Tags: , , , ,

Potrebbe interessarti