Estate positiva per il Principato di Monaco

Un’estate positiva quella registrata dal Principato di Monaco, “frutto anche del marchio ‘Monaco safe label’, che certifica il rispetto di precisi criteri di sicurezza ed è stato adottato da gran parte delle strutture (hotel, ristoranti, bar etc.) – spiega Gloria Svezia, direttrice dell’Ufficio del Turismo e dei Congressi del Principato di Monaco in Italia -. La clientela è stata prevalentemente dai mercati di prossimità; Francia, Italia, ma anche europei”. Per quanto riguarda il bacino italiano “è stabile da tempo in prima-seconda posizione – testimonia la direttrice -. Il Principato è la meta ideale per un city break, per seguire uno dei tanti eventi in palinsesto o per partecipare a una delle iniziative gastronomiche. Quest’estate, per esempio, si è tenuto il Montecarlo Summer Festival e durante questo mese si svolgerà il Monaco Yacht Show (22-25 settembre, ndr)”. Quali le previsioni per l’autunno? “Bisogna vedere come evolverà la situazione – risponde Svezia -, ma il calendario resta ricco e Monaco è una destinazione effervescente”.

La Design Week

Visit Monaco, l’ente di promozione del turismo monegasco in Italia, è, inoltre, partner di Visionnaire, che durante la Design Week meneghina 2021 ha svelato nel proprio showroom Insulae, un allestimento progettato da m2atelier tra architettura, natura e sogno. Insulae è un giardino segreto attorno al quale ruotano cinque luoghi simboli del territorio italiano: la Sicilia, la Sardegna, l’isola d’Elba, Capri e Ponza sono presentate ai visitatori come un arcipelago ideale, di cui si può apprezzare anche la singolarità. Un viaggio nel Mediterraneo che parte dall’analisi della vegetazione tipica di quei luoghi in collaborazione con Gruppo Giardini, che ha curato l’allestimento e la selezione delle essenze arboree mantenendo un equilibrio tra forme, colori e profumi. Le isole vanno ad ospitare i prodotti della collezione Caprice, immersi in una scenografia dove natura e architettura dialogano e si fondono.

Sostenibilità

In questo contesto si inserisce il Principato, che pone una grande attenzione all’ambiente e alla sostenibilità, promossa dallo stesso Principe Alberto II, e che fanno di Monaco una meta portabandiera in fatto di mobilità elettrica, utilizzo di fonti rinnovabili come l’energia termica oceanica, e provvedimenti plastic free con l’obiettivo di raggiungere quota zero rifiuti di plastica monouso entro il 2030. Nell’ambito delle iniziative del governo monegasco spicca inoltre l’ambizione di ridurre le emissioni di carbonio del -55% entro il 2030, e di arrivare alla neutralità carbone entro il 2050.

Misure intraprese per difendere e valorizzare le aree verdi del Principato, parchi, orti e giardini che occupano oltre il 20% del territorio e che consentono a Monaco di essere al secondo posto in Europa dopo Vienna per la concentrazione di aree verdi.

Nicoletta Somma

Tags:

Potrebbe interessarti