Zoom Discover Italy 2021

Due nuovi prodotti per Gruppo Vanessa Capital

Sono due i nuovi prodotti con i quali Gruppo Vanessa Capital si presenta quest’anno al workshop Discover Italy di Sestri: Be2sea e Toscani in Toscana. “Anche il 2020 è stato un anno piuttosto difficile – commenta Nicola Settesoldi, managing director di Gruppo Vanessa Capital -. Le insicurezze, le chiusure, i divieti e le restrizioni hanno inevitabilmente travolto il settore dei viaggi, cambiando non solo l’offerta, ma anche la richiesta da parte dei viaggiatori”. Oggi, secondo il manager, le persone sono tornate a riscoprire il piacere delle piccole cose, il contatto con la natura, la necessità di relax e di “staccare” completamente con quello che è la routine, il traffico, il rumore delle città. “Le parole d’ordine sono sicurezza, esclusività e tailor made”, dichiara. Commentando l’andamento delle prenotazioni estive c’è una nota di compiacimento: “Siamo stati fortunati essendo il nostro un prodotto nuovo e soprattutto in linea con quelle che sono le esigenze del momento da parte dei viaggiatori, che sono sempre più alla ricerca di un un’offerta sicura e su misura, profondamente differente dalla richiesta classica del viaggio leisure nel villaggio o dell’hotel”. L’80% delle prenotazioni registrato dall’azienda è stato prodotto in Italia, mentre il restante 20% è stato suddiviso tra Grecia, Spagna e Croazia. “Dobbiamo riconoscere – aggiunge Settesoldi – che vi è un piccolo accenno di richiesta per la parte caraibica invernale”. L’estate 2021, come quella precedente, è stata caratterizzata prevalentemente da un turismo domestico. “Essendo il mercato in entrata già parzialmente riaperto – segnala – abbiamo avuto la fortuna di riscontrare anche un feedback positivo da parte di viaggiatori provenienti dall’estero, che a differenza di quello italiano si sposta anche molto più volentieri. Se per il viaggiatore estero l’Italia è sempre parte della propria ‘bucket-list’, per l’italiano è cresciuto il senso di orgoglio e di supporto della propria comunità e del proprio Paese di origine e la voglia di riscoprirne bellezze, storia ed esperienze”. Far conoscere i nuovi prodotti, offrendo ai tanti operatori italiani ed esteri la possibilità di risposta al cambiamento del mercato è il principale obiettivo attinente la partecipazione al workshop, “e allo stesso tempo – spiega il manager – vogliamo conoscere nuove realtà e perché no, creare sinergie importanti con altri operatori. Condivisione e conoscenza per me sono alla base di questo lavoro”. Intanto Gruppo Vanessa Capital si prepara ad intercettare nuovi target: “Il mondo e il modo di viaggiare sono completamente diversi a quelli a cui eravamo abituati – prosegue -. Prendiamo l’esempio di un prodotto a noi caro come quello delle barche: se fino a meno di due anni fa era considerato d’élite, oggi rappresenta un’opzione particolarmente valida e in grado di rispondere proprio a quelle che sono le esigenze del viaggiatore in questa epoca, poiché realmente in grado di garantire sicurezza e distanza, è flessibile nella programmazione dell’itinerario, si adatta bene alle esigenze delle singole personalità e permette di vivere un’esperienza unica e realmente a contatto con la natura. Stessa cosa vale per la scoperta del territorio e dell’enogastronomia che da sempre sono un punto di forza per i viaggiatori ‘local’ ed esteri”. Per il 2022, infatti, i piani del Gruppo Vanessa Capital prevedono di impostare un’offerta esclusiva, legata al territorio e all’esperienza. L.D.

Focus città d’arte per Cremonahotels

“Quest’estate si prevedeva un cambiamento leggero della domanda visto che per noi è considerata bassa stagione. Invece è stata più alta delle previsioni, forse spinta anche dal fatto che i viaggi all’estero sono più complicati”. E’ l’opinione di Luigi Lacchini, revenue manager Cremonahotels (Cremona). Ci sono, comunque, delle difficoltà: “Sentiamo la mancanza dei grandi gruppi che provenivano dall’estero”, sottolinea il manager. La strategia ora è “ricominciare a promuovere l’Italia e Cremona all’estero – prosegue -. I target turistici al momento comprendono molto le città d’arte: visto che c’è molto meno turismo estero, queste ultime si ritrovano più vuote, ma parallelamente sono più facili da visitare”. N.S.

Il “busillis” della situazione secondo l’Hotel Cormoran

“Per i mercati esteri il dilemma sono le regole sanitarie tra le nazioni di arrivo e partenza”. Ecco qual è il busillis della situazione attuale secondo Mario Cioffi, hotel manager Hotel & Residence Cormoran (Villasimius). Secondo il manager l’offerta non mutata, a essere cambiato è “il modo di usufruire i servizi – sostiene Cioffi -. Tutto è stato adeguato alle nuove regole di sicurezza sanitaria. Di fatto in questo periodo post pandemia si stanno affacciando nuovi target turistici, per esempio i nomadi digitali”. Ecco perché, anche con strumenti come il workshop Discover Italy, è importante “ripristinare un contatto diretto con t.o. e adv – dice l’hotel manager -, avere uno scambio di vision sul futuro”. Al momento, al di là di un’estate “che è stata superiore alle aspettative”, dice il manager,“si cavalca l’onda – conclude Cioffi -, è presto per pianificare: speriamo e auspichiamo in migliori soluzioni sanitarie”. N.S.

Hotel Eva La Romantica, cresce il portfolio

Un portfolio in crescita che vedrà l’arrivo di una nuova struttura. La novità che Vanessa Lastrico, proprietaria di Hotel Eva La Romantica di Moneglia, porterà all’edizione di Discover Italy è questa. Come lei stessa spiega si tratta di “un altro hotel a Sestri Levante, il suo nome è Hotel Sereno, è un 3 stelle”. Lastrico segnala anche il servizio di organizzazione trekking con guida per i sentieri della zona da Portofino alle Cinque Terre. La partecipazione al workshop mira proprio ad individuare nuove collaborazioni “per incrementare l’occupazione nel fuori stagione ideale per godersi il trekking e i nostri tramonti sul mare”. Intanto, buoni segnali arrivano dal fronte prenotazioni, “ci riteniamo soddisfatti – commenta la manager -, soprattutto riguardo al mercato europeo”. Il mercato target è “italiano per la stagione estiva e sportivo, soprattutto del trekking (stranieri), per il quale abbiamo molte richieste malgrado l’incertezza”. S.V.

Arbaspàa, il mercato chiede “natura e su misura”

Viaggi outdoor e trekking per piccoli gruppi e clienti individuali, prodotti personalizzati. Arbaspàa srl si concentra sempre di più su questo fronte, come dichiara la titolare Catherina Unger. L’estate ha portato soddisfazioni, “tradizionalmente la nostra azienda lavora poco d’inverno e non possiamo ancora fare previsioni. Vediamo che le prenotazioni che vanno oltre settembre sono molto lente”. Tra i mercati target cita Europa, Usa/Canada, Australia. In termini di risposte “dall’Europa c’è una ripresa concreta. Dagli Stati Uniti molto timida. Le altre zone sono ferme”, fa presente Unger. Dal canto suo Arbaspàa ha sempre offerto turismo sostenibile, pacchetti outdoor, “vediamo che sono le proposte più richieste, c’è tanta voglia di natura, di cibo genuino. Però c’è anche la pretesa che tutto sia su misura, adattabile fino all’ultimo dettaglio alle proprie esigenze”. S.V.

Tags: , , , , , , ,

Potrebbe interessarti