Emirates sugli Usa: capacità oltre il 90% livelli pre-Covid

Da ottobre, Emirates aumenterà le frequenze dei voli verso numerose destinazioni degli Stati Uniti. La compagnia sta ripristinando il suo network in risposta alla crescente domanda dei clienti, a una maggiore fiducia e all’allentamento dei protocolli di viaggio internazionali. Si registra un interesse da parte dei viaggiatori statunitensi verso Dubai, una città che quest’inverno ospiterà una serie di importanti eventi tra cui Expo 2020 Dubai.

Operazioni di ottobre

A partire da ottobre, Emirates opererà 78 voli settimanali verso 12 destinazioni negli Stati Uniti, con un aumento dei voli settimanali previsti per Boston, Dallas, New York, San Francisco, Seattle e Washington DC (Iad): Boston: cinque voli settimanali, in precedenza quattro, Dallas: cinque voli settimanali, in precedenza quattro, New York: 19 voli settimanali, in precedenza 18 (compresi i voli che collegano Milano e New York), San Francisco: cinque voli settimanali, in precedenza quattro, Seattle: cinque voli settimanali, in precedenza quattro, Washington DC: cinque voli settimanali, in precedenza quattro.
Emirates ha già ripristinato i voli giornalieri del periodo pre-Covid per Chicago, Los Angeles e sulle rotte che collegano Atene-Newark e Milano-New York. Il più amato dai clienti, l’A380 di Emirates volerà negli Stati Uniti 24 volte a settimana (12 voli per Jfk, 7 voli per Lax e 5 voli per Iad) da ottobre.

Incrementi nella stagione invernale

La compagnia prevede di integrare ulteriormente la propria capacità per la stagione invernale, in linea con la domanda dei clienti e le tendenze di viaggio. Entro l’inizio di dicembre, Emirates avrà ripristinato oltre il 90% delle sue frequenze di volo pre-Covid negli Stati Uniti, con servizi giornalieri per Boston, Dallas, Houston, San Francisco, Seattle e Washington DC oltre ai voli giornalieri doppi per New York.

I clienti statunitensi avranno anche maggiori opportunità di volare sull’A380 della compagnia aerea a partire da novembre, con 35 voli settimanali. Anche i voli Emirates tra Milano e New York saranno effettuati con A380 dal 31 ottobre, arrivando a tre servizi giornalieri per New York operati con questo modello. Oltre a Los Angeles, New York e Washington DC, l’Airbus A380 effettuerà voli giornalieri a San Francisco da dicembre 2021.

Con l’aumento dei voli i clienti che viaggiano da e verso gli Stati Uniti in vacanza, per lavoro o per visitare la famiglia e gli amici ora hanno opzioni aggiuntive per raggiungere le loro destinazioni. Inoltre, attraverso l’accordo di codesharing con JetBlue, i clienti Emirates potranno godere di una connettività senza interruzioni verso oltre 63 destinazioni negli Stati Uniti e più di 100 destinazioni attraverso l’accordo di interlining con Alaska Airlines.

 

 

Tags:

Potrebbe interessarti