Columbus debutta in Arabia Saudita

Ivano Zilio lo aveva annunciato qualche mese fa, parlando a Guida Viaggi della Operazione Expo 2020 Dubai Uae. Evento su cui ha investito, essendo rivenditore dei biglietti per la kermesse, ma aveva anticipato che stava “lavorando anche sull’Arabia Saudita per inserirla nel programma Emirati“. Detto, fatto. Parte il conto alla rovescia per uno degli eventi più attesi in Arabia Saudita il gran premio di F1 e il t.o. Columbus era da quando l’Arabia Saudita si è aperta al turismo che studiava la destinazione per lanciarla.

Il debutto e la programmazione

“Abbiamo colto l’opportunità dell’evento dichiara Ivano Zilio, patron di Columbus -. Il nostro interesse verso la perla del Medio Oriente è stato subito alto, sicuramente è una destinazione che andrà a crescere”, afferma il manager.

Il debutto del t.o. avverrà con una programmazione di pacchetti, due sull’evento F1 e altri tre incentrati sull’aspetto storico e culturale della destinazione, che prevedono l’esplorazione del deserto, del sito di Alula tra la capitale Riyadh e il Mar Rosso Saudita. L’apertura al turismo da parte dell’Arabia Saudita ha permesso a Columbus, insieme al suo Dmc locale, di creare una serie di itinerari per la vendita in adv volti a proporre ai clienti la possibilità di scoprire le bellezze della destinazione in sicurezza, grazie alle norme anti-Covid.

“Ad oggi l’Arabia Saudita è entrata nei Paesi dell’elenco D, quindi per chi rientra in Italia sono necessari il Plf, un tampone  molecolare e una quarantena di soli 5 gg – fa presente Zilio -. Dal canto nostro siamo sempre attenti alle novità di mercato, ma soprattutto diamo alle agenzie la qualità di un prodotto ricercato”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti