Giordania: bene l’autunno, rebranding in vista

Guarda con ottimismo ai prossimi mesi, la Giordania. Il Paese mediorientale, aperto al turismo internazionale dallo scorso 31 agosto, spiega che “dopo quasi 18 mesi di assenza, Amman registra un rinnovato interesse da parte degli italiani sulla Giordania e i numeri del trimestre ottobre-dicembre fanno ben sperare il comparto turistico. Per tornare ai numeri record del 2018-2019 ci vorrà ancora tempo e leggi che puntano al ritorno alla normalità in sicurezza”.

L’ente nazionale del turismo ricorda che è possibile viaggiare nel Paese seguendo un protocollo meno rigido rispetto ai Paesi che sono stati di recente riaperti dal governo italiano, e con la possibilità di non sottoporsi più alla quarantena al ritorno in Italia se si è in possesso del Green Pass”.

Il Jordan Tourism Board si dice inoltre “intenzionato a investire fortemente sul mercato italiano nel 2022 con una campagna di rebranding affinché ciò avvenga senza tempi morti e con obiettivi ben precisi, tra cui la possibilità di avere a breve nuove compagnie aeree dirette sulla destinazione”. Intanto Ryanair ha confermato i voli diretti su Amman e Aqaba da Bergamo, Bologna e Ciampino.

Tags:

Potrebbe interessarti