Destination Italia: bilanci, progetti e quotazione Aim

Destination Italia ha archiviato una stagione estiva molto positiva, che ha visto l’Italia tornare a essere una tra le destinazioni più richieste dai viaggiatori di tutto il mondo. L’estate ha altresì consolidato le tendenze del segmento del lusso, presenti nel mercato già prima della pandemia, in armonia con il prodotto e i servizi proposti da Destination Italia con il brand SONO Travel Club.
L’aumento del prezzo medio per pratica, l’attenzione verso il dettaglio, la voglia di vacanza esperienziale unita alla qualità del servizio offerto e il supporto di partner storici distribuiti su tutto il territorio nazionale hanno permesso a Destination Italia di confermarsi quale punto di riferimento per il mercato mondiale.

Il ticket medio

“Il ticket medio registrato quest’anno è molto più alto rispetto al passato e questo ci conferma che la strada che abbiamo intrapreso nel voler aumentare la qualità percepita del nostro prodotto e dei nostri servizi sarà un ulteriore volano per il 2022 – dice Roberto Pannozzo, direttore generale di Destination Italia -. Affrontiamo questo cammino verso il nuovo anno con molto ottimismo e contiamo di arrivarci con un volume di prenotazioni analogo a quello record registrato alla fine 2019 per il 2020, senza dimenticare che anche la stagione invernale sarà per noi un’ulteriore occasione per farci trovare pronti”.

SONO Travel Club cresce

SONO Travel Club è un brand in crescita, capace di attrarre i campioni tradizionali del lusso come Middle East e Russia, ma anche mercati in fortissima ascesa quali Europa, soprattutto Uk e Nord America, che stanno dando vita a nuove tendenze verso il lusso: un poker d’assi strategico di mercati, sui quali Destination Italia intende puntare oggi e nei mesi futuri attraverso una squadra di commerciali affiatata. Le vendite estive di SONO Travel Club hanno interessato non solo ville e dimore esclusive, limousine e yacht, ma anche esperienze che sono state confezionate per un pubblico alto di gamma. Le regioni più richieste sono state – oltre a Toscana e Sardegna – Puglia, Basilicata e Campania, che sempre di più stanno crescendo nella qualità dei servizi offerti.

“Abbiamo registrato una decisa ripresa delle prenotazioni, molte, ovviamente, sotto data e conseguenti alle aperture parziali delle frontiere italiane ai turisti stranieri e ci siamo fatti trovare pronti, proponendo soluzioni che i mercati hanno apprezzato”, rileva  Pannozzo.

Le riaperture di alcune frontiere e di alcuni mercati maturi sono state le basi per poter realizzare una programmazione di prodotto studiata per servire una clientela sempre più ampia e aperta all’idea di viaggiare non solo nei mesi estivi. Le prospettive offerte dalle riaperture di Europa e Nord America, oltre a un mercato di prossimità che non smetterà di sorridere all’Italia, sono state anche il carburante per realizzare un prodotto che ripone ambizioni importanti verso autunno e la fine dell’anno, con la proposta di pacchetti week end insoliti per celebrare le festività o per Natale e Capodanno.

Nuovi canali commerciali

Esplorare nuovi canali commerciali significa innanzitutto sostenere concretamente i fornitori di qualità che Destination Italia seleziona su tutto il territorio italiano, con la mission di garantire loro continuità. In quest’ottica sono state stipulate le prime collaborazioni con i programmi welfare e loyalty di alcune grandi aziende italiane. “La proposta si articola in una serie di prodotti pacchettizzati comprensivi di soggiorni ed esperienze nelle diverse regioni d’Italia – afferma Pannozzo – e non escludiamo ulteriori investimenti in tecnologia per agevolare l’integrazione dei nostri sistemi con gli strumenti in uso sulle principali piattaforme welfare: investire per crescere è l’impulso che muove ogni nostra scelta”.

Il prodotto di Destination Italia è confezionato nel rispetto delle regole e della sicurezza. “Abbiamo raccolto tutti i tessuti necessari per poter confezionare vestiti su misura per ogni nostro cliente e abbiamo assicurato una squadra di professionisti in grado di personalizzare il viaggio in maniera attenta e accurata – continua Pannozzo -.  Viaggi in treno, minivan, self drive da combinare con borghi, città d’arte, dimore esclusive e destinazioni che, attraverso i servizi di Destination Italia, diventano nuove: questi gli ingredienti selezionati per servire una clientela sempre ben disposta a farsi sorprendere. In particolare è stata arricchita l’offerta invernale e primaverile della Basilicata, del Piemonte e della montagna con le Dolomiti“.

Gli fa eco Rita Baccarelli, responsabile sviluppo prodotto di Destination Italia: “ Nei prossimi mesi cercheremo anche di cavalcare l’onda della notorietà che le città di Matera e Gravina vivranno grazie a “No Time To Die”, l’ultimo episodio dell’epopea di James Bond, proponendo pacchetti di viaggio ed esperienze eno-gastronomiche senza tempo tra la Basilicata e la Puglia”.

La quotazione

Destination Italia S.p.A. ha presentato a Borsa Italiana la Comunicazione di Pre-Ammissione, funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni e dei warrant sul mercato AIM Italia, gestito da Borsa Italiana S.p.A. e dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita, e l’avvio del bookbuilding. L’offerta comprende azioni ordinarie di nuova emissione rivolta ad investitori qualificati e non e di warrant, assegnati gratuitamente, nel rapporto di n. 1 warrant ogni n. 1 Azione Ordinaria possedute, a favore di tutti coloro che alla data di inizio delle negoziazioni abbiano sottoscritto le Azioni Ordinarie nell’ambito del collocamento o acquistato le Azioni Ordinarie nell’ambito dell’opzione di over allotment.

Gli azionisti esistenti (Lensed Star S.r.l., Lastminute.com N.V., Intesa Sanpaolo S.p.A.) assumeranno un impegno irrevocabile nei confronti del Nomad, a far data dall’inizio delle negoziazioni e per i successivi 36 mesi, a non vendere o disporre in altro modo del 100% delle azioni possedute alla data dell’accordo di lock-up. L’intervallo di prezzo indicativo all’interno del quale verrà individuato il prezzo finale è di euro 0,95 – euro 1,75 per azione ordinaria.

Mai fermati

“Destination Italia è nata per valorizzare il turismo, un settore chiave dell’economia italiana, il quale, nel 2019, ha raggiunto il 13% delnostro Pil e le potenzialità di crescita sono enormi. Con il Covid il turismo mondiale si è completamente fermato e la ripresa sarà graduale. Noi non ci siamo fermati, abbiamo continuato a investire nella nostra piattaforma tecnologica e oggi siamo l’unico player in Italia in grado di gestire in modo automatizzato il turismo estero da 85 Paesi nel mondo. Abbiamo anche rafforzato e ampliato il nostro network di strutture ricettive in Italia, con un focus sul Sud Italia. La quotazione ci consentirà, anche attraverso acquisizioni mirate di partner tecnologici, di essere tra i protagonisti della ripartenza del turismo in Italia e di contribuire ad aumentare i flussi di turisti stranieri che viaggiano nel nostro Paese, per creare un campione nazionale del turismo di qualità”. Questo quanto dichiarato da Dina Ravera, presidente di Destination Italia SpA.

Il Gruppo Destination Italia ha chiuso il bilancio consolidato al 31 dicembre 2020 con un valore della produzione per circa 7,1 milioni di euro, mentre al 31 dicembre 2019 (anno pre-pandemia da Covid-19) il valore della produzione consolidato è stato pari a circa 34,9 milioni, in entrambi gli esercizi interamente realizzati in Italia con clientela estera. L’andamento della gestione nel 2020 risulta coerente con il trend del settore in Italia, fortemente impattato dalla pandemia.
Nell’ambito della procedura di ammissione alle negoziazioni su AIM Italia, Destination Italia è assistita da Integrae SIM S.p.A. in qualità di Nominated Advisor e Global Coordinator, dallo studio legale Alma Società tra Avvocati S.r.l. in qualità di Advisor Legale dell’Emittente, da Emintad Italy S.r.l. in qualità di Financial Advisor, da Pricewaterhouse Coopers S.p.A. in qualità di Audit Advisor, da RSM Italy S.p.A. in qualità di Tax Advisor e da Be Media S.r.l. come consulente della Società in materia di Investor & Media Relation.

Tags:

Potrebbe interessarti