Amadeus: “Il travel è pronto all’evoluzione di Ndc”
Sarà davvero l’anno Ndc quello in corso? Secondo il nuovo report promosso da Amadeus, a cui  hanno contribuito aziende leader nel mondo tra cui Allianz, American Airlines, British Airways, Cwt, Deloitte, Flight Centre, House of Travel, Iata, Qantas, Travix e Volkswagen, sembrerebbe di sì.“I consumatori di oggi – spiega l’analisi – hanno nei confronti delle agenzie di viaggio le stesse aspettative che hanno nei confronti di marchi come Amazon, Netflix e Spotify: un’esperienza senza soluzione di continuità, rilevante e personalizzata”.
Opinioni contrastanti
Amadeus conferma che ci sono ancora opinioni contrastanti sull’impatto che la pandemia da Covid-19 sta avendo sul processo Ndc. Tuttavia, il nuovo studio di Amadeus fornisce indicazioni sul grado di maturità di questo standard in tutto il settore. Approfondimenti provenienti da compagnie aeree, agenzie di viaggio e aziende, così come gli esperti Amadeus stessi evidenziano che lo sviluppo di Ndc ha subito un’accelerazione nel corso degli ultimi 18 mesi, arrivando ad affermare che il 2021 sarà l’anno in cui Ndc verrà adottato su larga scala.
I vettori
Cosa sta effettivamente cambiando nel mondo aereo? “Le compagnie aeree – avverte Amadeus – stanno iniziando a rendere disponibili offerte su misura, così come a sperimentare novità come il ‘continuous pricing’ e nuovi tipi di offerte in bundle. Le agenzie di viaggio di qualsiasi tipo e dimensione si stanno attivando in tutto il mondo, con oltre 2.500 agenzie di viaggio in 50 mercati che sono ora in grado di prenotare e gestire i contenuti delle compagnie aeree tramite Ndc grazie alle soluzioni Amadeus”. Queste soluzioni sono: Amadeus Selling Platform Connect, Amadeus Travel API e Amadeus cytric Travel & Expense.
La tecnologia
Secondo lo studio la tecnologia che sta alla base di Ndc sarebbe quindi progredita in modo significativo.  “Ora gli agenti di viaggio sono in grado di consultare i contenuti Ndc e Edifact, insieme ai contenuti Lcc distribuiti tramite Api, il tutto in un unico ambiente Amadeus Travel Platform – spiega l’azienda -. È importante notare che il documento sottolinea come i recenti miglioramenti nell’assistenza e nella fase di preparazione dei sistemi di mid e back office delle agenzie di viaggio siano fondamentali per la scalabilità nei prossimi mesi e anni”.
I commenti
Ángel Gallego, executive vice president, travel distribution Amadeus, ha commentato così i risultati emersi nel report: “Se confrontiamo il punto in cui eravamo 18 mesi fa con quello di oggi, è chiaro che nonostante la tensione causata da Covid-19, il settore non ha sacrificato il suo impegno verso Ndc. Per quanto riguarda le compagnie aeree, stiamo vedendo nuovi pacchetti di prodotti e prezzi diversificati. Per quanto riguarda gli agenti di viaggi, ogni operatore Amadeus sarà in grado di prenotare il contenuto Ndc, insieme alle offerte provenienti da altri canali, entro la fine di quest’anno”. Per Gabriele Rispoli, direttore commerciale di Amadeus Italia, “è incoraggiante constatare come il settore veda sempre più Ndc come un fattore chiave per la ripresa e lo sviluppo. Con una moderna distribuzione digitale, i viaggi saranno basati su offerte dinamiche e questo darà un vantaggio competitivo sia alle compagnie aeree che alle agenzie di viaggio”. Secondo Rispoli “le agenzie Iata che utilizzano Amadeus hanno già accesso al contenuto Ndc con la possibilità di avere diversi servizi post vendita, come la cancellazione, il rimborso, la possibilità di fare cambi volontari e la notifica dei cambi involontari. La nostra soluzione Ndc è completamente integrata ed interoperabile”. Inoltre, lo studio mette in luce alcune delle barriere che ancora si frappongono all’adozione diffusa del protocollo, tra cui la necessità di aggiornare i sistemi delle compagnie aeree, l’adozione di uno standard Ndc comune e la trasformazione dei sistemi di mid e back office per gli agenti di viaggio. “La standardizzazione è la sfida più importante, per arrivare ad una singola versione o interpretazione dello standard che limiti e riduca la complessità – conclude il manager -. Siamo fiduciosi che la versione 21.3, che dovrebbe essere rilasciata alla fine dell’anno, possa essere quella su cui tutta la industry converga. Ma dobbiamo considerare Ndc come un viaggio, e la collaborazione è un elemento decisivo di questo percorso: le compagnie aeree devono conoscere quali proposte i viaggiatori cercano, le agenzie scoprire quali proposte le compagnie aeree offriranno, i partner tecnologici capire e risolvere le difficoltà che gli agenti di viaggio possono trovare nella interazione con compagnie aeree e viaggiatori”.
Laura Dominici
Tags: ,

Potrebbe interessarti