Ritorna il confine aperto tra Norvegia e Finlandia

Dall’inizio degli anni ’50 del secolo scorso le persone hanno viaggiato liberamente attraverso i confini tra i Paesi nordici. Nella maggior parte dei luoghi, non ci si accorge nemmeno quando si entra nel Paese vicino. Questa modalità è stata però bruscamente interrotta nel marzo 2020, allorquando, allo scoppio della pandemia di Covid-19, le autorità nazionali avevano imposto restrizioni di viaggio senza precedenti. I viaggiatori transfrontalieri dovevano, da quella data, sottoporsi a quarantene e a test all’arrivo.

Rimosse le restrizioni

Il 6 ottobre scorso, la Norvegia ha rimosso l’ultima grande restrizione di viaggio verso i Paesi vicini. Le barriere che erano state istituite nel marzo 2020 sono ora smantellate e i militari che hanno controllato il traffico di confine tornano a casa, decisione arrivata 11 giorni dopo che il Paese ha ufficialmente posto fine alle sue restrizioni Covid. “La regola della distanza di un metro non si applica più e possiamo stare insieme come prima”, aveva anticipato il primo ministro, Erna Solberg in una conferenza stampa il 24 settembre scorso. Tuttavia, rimarranno ancora alcune restrizioni di viaggio. Le persone senza due dosi di vaccino assunte dovranno sottoporsi al test meno di 24 ore dopo l’arrivo. Lo stesso vale per le persone provenienti da regioni con livelli di infezione eccezionalmente elevati, i cosiddetti Paesi rosso scuro, nonché per i viaggiatori vaccinati con vaccini non approvati dall’Ue.

Gianfranco Nitti

Tags: ,

Potrebbe interessarti