Estate positiva per Visit Ferrara
Sono numerosi i turisti che, grazie alle attività di promo-commercializzazione del territorio della provincia di Ferrara portate avanti da Visit Ferrara, hanno visitato dalla scorsa estate le città d’arte, i luoghi custoditi dalla natura del Parco del Delta del Po, Comacchio e la sua costa, sfruttando le promozioni, le visite guidate e le variegate opportunità offerte dal consorzio e dai suoi soci.

Le iniziative

Originali itinerari turistici, escursioni su due ruote nei luoghi in cui la bicicletta è un culto e i percorsi per il cicloturismo sono sempre più organizzati, una nuova mappa a disposizione dei viaggiatori con tante curiosità e percorsi insoliti per vivere l’anima del ferrarese, sono solo alcune delle novità che Visit Ferrara ha messo a disposizione di tutti gli operatori turistici e dei tanti visitatori che vogliono esplorare questo accogliente territorio dell’Emilia Romagna. Con l’obiettivo di fare della provincia di Ferrara una marca turistica d’eccellenza e di commercializzare un’offerta integrata che renda Ferrara e il suo territorio una destinazione appetibile tutto l’anno.
La nuova mappa, la “Free Map… to be a local” che si può scaricare direttamente sul sito visitferrara.eu o trovare nelle strutture e attività che fanno parte del consorzio, guida i visitatori in un viaggio inedito e coinvolgente tra Ferrara, Comacchio e il territorio della provincia. I turisti possono infatti scoprire le curiosità e i luoghi più insoliti da visitare, ma anche parlare come i locali, grazie al divertente vocabolario con le parole dialettali più utilizzate, e mangiare le squisitezze del posto, grazie alle indicazioni sui piatti e prodotti tipici da assaporare. La mappa, con cartine geografiche chiare e aggiornate, è suddivisa in diverse aree (Ferrara, la sua Provincia, Comacchio, la costa di Comacchio) e sono indicati i contatti e le informazioni su tutti gli operatori turistici aderenti alla rete di Visit Ferrara.
Riscontri positivi anche per la promozione “Dormi in città e ti regaliamo Ferrara”, che coinvolge le strutture ricettive socie del consorzio Visit Ferrara. Tutti coloro che prenotano un soggiorno negli hotel, r&b e agriturismi soci di Visit Ferrara, fino al 26 dicembre 2021 ricevono in omaggio una visita guidata gratuita nel cuore della città di Ferrara e delle sue arti. Un’idea che, oltre ad offrire un servizio apprezzato ai turisti, li incentiva a dormire nella città estense e dunque supporta le strutture in un periodo di ripresa fondamentale per l’economia locale. Un’opportunità interessante per tutte le diverse imprese del settore turistico, che vorranno aderire al consorzio Visit Ferrara. Le visite guidate “Raccontare Ferrara”, aperte a tutti con partenza garantita e costo fisso di 8 euro, che si svolgevano normalmente ogni sabato, ora si tengono anche di domenica, iniziativa che ha attratto sempre nuove partecipazioni (oltre 300 le persone coinvolte da giugno a settembre 2021).
Altra attività che sta stimolando il coinvolgimento dei visitatori riguarda i percorsi bike “in bici nel ferrarese” che si possono prenotare direttamente sul sito web di Visit Ferrara. Speciali escursioni a pedali organizzate nei weekend di ottobre tra gli specchi d’acqua e le attrattive naturalistiche della provincia di Ferrara, le suggestioni delle Valli di Argenta, le Delizie Estensi e la Via della Seta. Itinerari giornalieri, che, a partire da Ferrara e integrando bici, barca, treno e bus, consentono agli appassionati di vivere ogni volta un viaggio diverso tra natura, cultura ed enogastronomia. Rilevanti, inoltre, anche le partecipazioni di Visit Ferrara a fiere di settore, ma anche alle serate promozionali organizzate dalla Destinazione Turistica Romagna e l’organizzazione di educational tour con giornalisti specializzati nel settore dei viaggi, sia italiani che tedeschi.

I vertici

Spiega Zeno Govoni, vicepresidente di Visit Ferrara: “Da anni il consorzio si muove su diversi fronti: partecipando a fiere, workshop, eductour, per farsi conoscere in un contesto competitivo come quello italiano; lavorando con gli organizzatori degli eventi sul territorio, per intercettare nuove nicchie di mercato e fare promozione; organizzando eventi propri che danno vantaggio ai soci. Molto importanti sono gli strumenti che Visit Ferrara ha messo a disposizione per fare formazione con gli operatori turistici, facendo loro vivere personalmente le esperienze da raccontare ai turisti. Abbiamo inoltre avviato un progetto per la raccolta dei dati previsionali e storici per intercettare i trend e la crescita turistica sul territorio. Uno strumento importante per la ripresa. Quest’estate è andata meglio rispetto alla precedente, il trend è positivo, ma non siamo ancora ai livelli pre-Covid. Di qui il valore aggiunto di Visit Ferrara di fare squadra. Essere uniti tra operatori turistici in questo momento di difficoltà è fondamentale. E si possono avere vantaggi che altri non hanno a disposizione”.

Come sottolinea Ted Tomasi, presidente di Visit Ferrara: “Visit Ferrara si è confermato, in particolare negli ultimi difficili anni, un importante punto di riferimento per le attività di comunicazione e di promo-commercializzazione di Ferrara e di tutta la provincia. La visione comune dei soci e del cda in linea con quella dell’amministrazione, con la quale esiste un confronto continuo, ha consentito di pianificare azioni di medio lungo termine ma anche all’occorrenza di mettere in campo rapidamente azioni ed iniziative che permettessero di investire al meglio le risorse e di non perdere opportunità. Visit Ferrara, anche in occasione della programmazione degli eventi del Capodanno ferrarese con l’incendio del Castello Estense, annunciata dall’assessore al turismo del Comune Matteo Fornasini, ribadisce la sua collaborazione. Il Capodanno è un evento importantissimo e può dare un segnale positivo per tornare alla normalità. Bisogna ritornare a numeri pre-Covid, solo così gli operatori turistici potranno rifarsi di quanto perso durante la crisi. La flessibilità, la coesione e unione di visioni di sviluppo dei privati con il pubblico potranno essere le carte vincenti per rilanciare sempre più il turismo di tutta la provincia di Ferrara”.

 

Tags:

Potrebbe interessarti