Columbus torna negli Stati Uniti

La pandemia non ha mai firmato l’attività di Columbus, il t.o. fa sapere che gli uffici di Milano, Padova e Palermo sono rimasti sempre operativi. “Gli aggiornamenti burocratici legati al Covid-19 e formazione ci hanno permesso di non staccare la spina con le agenzie – dice il t.o. in una nota -.  Adesso man mano che i vari Stati procedono ad aprire i corridoi turistici, lo staff di Columbus sta lanciando le nuove programmazioni, animate anche da pacchetti innovativi”. Adesso è il turno degli Stati Uniti a partire dall’8 novembre ci si potrà recare nel Paese avendo il ciclo vaccinale completo e un tampone molecolare o antigenico.

Natale, Capodanno e i tour

Lo staff di Columbus ha realizzato per gli agenti di viaggi diverse proposte sia per Natale sia per Capodanno su New York con inclusi gli spettacoli a Broadway come “Chicago” e “Waitress” oppure una serata in nuovi ristoranti o attrazioni open air.

Un altro tassello sull’onda dell’ottimismo è la programmazione dei tour con guida parlante italiano, dall’Est all’Ovest americano i tour sono a date fisse come da programmazione che si trova nel sito del t.o. columbusvacanze.it.

A breve il booking engineering

“Le agenzie per noi sono un motore indispensabile ringraziamo tutte loro per il sostegno dato fino ad oggi a far vivere un brand così storico – sottolinea il t.o -, un’eccellenza del turismo italiano, a breve saremo pronti a fornire al mercato un evoluzione tecnologica cioè il booking engineering, una grande agevolazione per le agenzie che potranno farsi online in tempo reale i preventivi ed eventuali conferme”.

Tags:

Potrebbe interessarti