Frédéric Meyer, la ripresa è a portata di mano

France Méditerranée è stato il primo importante evento della Francia e si è svolto a Nizza dal 19 al 23 ottobre 2021. Alla manifestazione hanno preso parte oltre 220 persone, tra cui 86 tour operator arrivati da dieci diversi Paesi. Gli organizzatori della manifestazione hanno provveduto a far effettuare un tampone per tutti, anche se i partecipanti erano già in possesso del green pass. Frédéric Meyer, direttore dell’Ente Francia, ha rilasciato a Guida Viaggi un’intervista sulla ripresa turistica del proprio Paese.

La ripartenza

Meyer ha confermato che France Med è uno degli eventi internazionali più importanti organizzati dall’ente. “Si svolge ogni due anni, e quest’anno la sede è stata Nizza. E’ un momento particolare perché si tratta della ripartenza della Francia che, come tutti i Paesi, ha visto calare il turismo in maniera drastica. Penso che oggi siamo tutti contenti di essere insieme e di ripartire con una dinamica del business molto forte – ha commentato Meyer -. I Paesi presenti provenienti dall’area mediterranea sono dieci con due nuovi ingressi, rispettivamente Croazia e Slovenia. Ci piace pensare che il passato sia solo un brutto ricordo e che nel futuro ci siano altri eventi in presenza e tanti arrivi dall’Italia”.

Leisure e Mice in Costa Azzurra

La maggior parte dei turisti italiani arriva in Costa Azzurra dal Nord Italia con mezzi propri: molti dal Piemonte, Lombardia e ovviamente dalla Liguria. “Anche il Sud è presente. Da Napoli e Roma ci sono collegamenti aerei quotidiani, anche low cost. Si arriva facilmente con poco più di un’ora di volo. E la Costa Azzurra, Nizza in particolare, ha avuto una ripresa straordinaria, è tutto aperto, fruibile, hotel, ristoranti, bar, musei. Vorrei ricordare – ha sottolineato il manager – che anche il turismo d’affari è in forte ripresa, non solo in Costa Azzurra, ma anche a Parigi. Il Mice è molto importante per la nostra economia, considerando che il 33% degli introiti del turismo arriva dal turismo d’affari”.

Ottimismo e dinamismo

“Ottimismo, dinamismo e volontà di reagire sono stati fondamentali anche se non abbiamo mai trascurato la prudenza, mettendo in atto tutte le misure di sicurezza come tamponi e green pass – afferma il manager -. I risultati ci sono stati già dall’estate, con qualche rimostranza dai no vax, ma le regole vanno rispettate, soprattutto in viaggio. In vacanza non bisogna mettersi a rischio ed è necessario essere prudenti. Chi non si vaccina può fare un tampone e il risultato, pronto in dieci minuti, viene scaricato in tempo reale sul telefonino. Pensiamo che in Francia anche per l’anno prossimo sarà necessario il green pass, per la sicurezza di tutti, sia dei francesi sia dei turisti che vorranno entrare nel nostro Paese”.

Nessun no show al France Med

Il workshop era molto atteso. “Per la prima volta non abbiamo avuto alcun no show. I confermati sono arrivati tutti sia i francesi, sia i partecipanti dai dieci Paesi esteri. E tutti sono rimasti soddisfatti. Vorrei aggiungere – ha rimarcato il manager – che dal Covid  abbiamo imparato un maggiore utilizzo del digitale e oggi si può lavorare con entrambi i sistemi. Invito a venire in Francia anche per scoprire tutte le offerte green che oggi sono ricercate più di ieri, con diverse opportunità di accomodation e di ristorazione. Nei luoghi meno turistici il costo della vita è uguale all’Italia, se non inferiore”.

Annarosa Toso

 

Tags:

Potrebbe interessarti