Latitud Patagonia, forte interesse del mercato italiano per il Cile

Latitud Patagonia, tour operator di Quality Group leader per il Sud America, sta registrando un buon riscontro di prenotazioni per il Cile, la sola meta in tutta l’America Latina, che, insieme all’Uruguay, è aperta oggi al mercato italiano e tra le poche aperte Oltreoceano.

Il Cile che aveva riaperto le sue frontiere lo scorso 1° ottobre e che dal 1° novembre ha eliminato la quarantena obbligatoria, è entrato a far parte dei paesi di fascia D – quindi accessibili al turismo per gli italiani – grazie all’ordinanza emanata lo scorso 25 ottobre.

“Il passaggio del Cile nell’elenco dei paesi in fascia D, aperti nuovamente al turismo, non ha ottenuto grande clamore sui media ma la notizia non è passata inosservata ai viaggiatori che stanno premiando la destinazione con interesse. Stiamo ricevendo richieste e conferme per l’itinerario di viaggio ‘Cile Classico’ che abbiamo mantenuto in programmazione per i prossimi mesi, a partire dalle partenze del 23 e 26 dicembre, in concomitanza quindi del Natale e Capodanno, e stiamo ricevendo un discreto riscontro anche per le partenze programmate in gennaio e febbraio”, dichiara Francesco Vitali, titolare e responsabile prodotto di Latitud Patagonia.

Traino dell’America Latina

Il Cile negli ultimi anni è cresciuto moltissimo e ha ottenuto il più elevato trend di crescita turistica di tutta l’America Latina; un dato significativo confermato anche dall’ingresso del Paese nelle classifiche delle più autorevoli e prestigiose guide: svetta nella classifica dei paesi Best in Travel 2018 di Lonely Planet e con Atacama è nella top ten delle regioni Best in Travel 2022, sempre di Lonely Planet.

Latitud Patagonia fiducioso nella ripresa del mercato e conscio dell’elevato interesse della destinazione da parte della clientela italiana, ha mantenuto in programmazione 2021 l’itinerario Cile Classico, un tour di gruppo che dal deserto di Atacama raggiunge la Patagonia cilena e la regione dei laghi e dei vulcani, con partenze 23 e 26 dicembre, 2 partenze a gennaio e 2 a febbraio. Una decisione che oggi si rivela premiante.

Inoltre, l’operatore dispone di cabine in allotment per le tre partenze, tra gennaio e febbraio, dell’inedita crociera di spedizione Sulle orme di Magellano: a bordo della nave Ventus Australis della compagnia di navigazione cilena Australis, che proporrà per la prima volta un itinerario inedito, lungo la tratta Punta Arenas-Punta Arenas.

Per semplificare le normative anti-Covid questa crociera, di 6 giorni/5 notti, elimina i passaggi di frontiera unendo due degli itinerari classici solitamente proposti alla clientela, permettendo di vivere un’esperienza di straordinaria bellezza e molto probabilmente unica, perché difficilmente sarà ripetuta in futuro.

“Una boccata d’aria per il nostro brand – conclude – che è ripartito con slancio grazie a questa riapertura. Oltre alle buone performance del Cile stiamo ricevendo numerose richieste anche per l’Argentina che speriamo di poter trasformare presto in conferme. L’Argentina ha ricevuto il via libera dalla Comunità Europea per i viaggi di turismo e auspichiamo che il governo italiano ratifichi questa opportunità, nel decreto atteso per la metà di dicembre. L’apertura dell’Argentina, altro paese di punta di Latitud, consentirebbe di ripristinare gran parte della nostra programmazione completando anche gli itinerari che per conformazione naturale, avendo migliaia di chilometri di confini comuni, si sviluppano in combinazione con il Cile e sono un must per questi due Paesi. I passaggi di frontiera stanno, a poco a poco, riaprendo e saranno regolati con protocolli ancora da verificare, ma intravediamo finalmente una reale ripartenza”.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti