Affitti brevi: Airbnb raccoglierà l’imposta di soggiorno

Dal 2022, Airbnb attiverà la raccolta digitale dell’imposta di soggiorno in tutta Italia, occupandosi direttamente del versamento per gli affitti brevi per gli host e i comuni che ne faranno richiesta.

La collaborazione con Ancicomunicare

Airbnb e Ancicomunicare hanno siglato una collaborazione per raggiungere e informare gli oltre 1.100 enti locali (tra comuni, unioni di comuni e province autonome) che hanno finora istituito l’imposta. Ad annunciarlo Chris Lehane, senior vice president of global policy and communications di Airbnb, in occasione dell’assemblea annuale di Anci a Parma. Lanciata in esclusiva per l’Italia, la funzionalità è una delle oltre 50 novità incluse nella Airbnb Winter Release, l’ultimo aggiornamento della piattaforma, insieme alla polizza assicurativa AirCover, un motore di traduzione e un miglioramento dei filtri di accessibilità. Per favorire e semplificare la ripresa del turismo, i vertici della società hanno presentato un ‘patto’ per il turismo sostenibile e responsabile, che anticipa la pubblicazione solamente di annunci provvisti di codice identificativo e la condivisione dei dati degli host alle autorità a fini amministrativi e fiscali.

L’imposta di soggiorno

In Italia ci sono oltre 1.100 enti che hanno istituito l’imposta di soggiorno. Il numero è esploso di recente, per un riversato che nel 2019 è stato di 604 milioni di euro, di cui 298 nelle prime 10 destinazioni turistiche e 117 nella sola Roma (elaborazione Fondazione Ifel Anci per la Finanza Locale su dati Siope e BDAP). Ma in base alla legge, quelli che ne avrebbero la facoltà sono quasi 6.000. Unica piattaforma a farlo, Airbnb negli ultimi anni ha attivato protocolli di intesa con 24 fra le principali destinazioni italiane – tra cui Roma, Firenze, Milano, Torino, Napoli e Palermo, semplificando la riscossione per milioni di arrivi e un riversato nel 2019 di oltre 22 milioni di euro. In Italia, nel terzo trimestre 2019, 4 città (Roma, Venezia, Milano e Firenze) avevano rappresentato il 26% dei viaggi su Airbnb. Nello stesso trimestre del 2021, però, il ‘peso’ delle stesse città è sceso al 17%, fa presente una nota.

“Con la dispersione dei flussi turistici post pandemia, e l’aumento del numero degli enti, era chiaro che diventava necessario trovare un’altra soluzione – ha spiegato Lehane -. Questo strumento è pensato per ovviare all’enorme problema burocratico di dover stipulare convenzioni con ogni singolo comune. La pandemia ha portato a una rivoluzione del turismo, che ora è più disperso, con maggiori opportunità economiche per le comunità locali. Siamo impegnati a rendere più semplice e sostenibile per le amministrazioni, gli host e gli ospiti questa opportunità. Ad oggi abbiamo riversato complessivamente nel mondo oltre 4 miliardi di dollari di imposte locali, ma l’espansione che stiamo lanciando in Italia è senza precedenti”.

Come funziona

A partire dal 1 marzo 2022 Airbnb metterà a disposizione di tutti gli host, dei Comuni ed enti italiani che hanno istituito l’imposta di soggiorno, la riscossione al momento della prenotazione, attraverso l’uso di strumenti di pagamento digitali. Per gli affitti brevi, inoltre, Airbnb si occuperà anche del riversamento direttamente ai Comuni o enti che aderiranno al programma. Per rendere possibile il riversamento, è necessario che il Comune o l’ente si registrino ad un portale dedicato. Ancicomunicare e Airbnb saranno impegnate nei prossimi mesi in una campagna di presentazione del portale di registrazione.

Tags:

Potrebbe interessarti