Delta: “Bene i voli sugli Usa, in estate forte espansione”

Delta ha ripreso i voli dall’Italia per gli Stati Uniti ma è soprattutto dall’estate 2022 che il vettore americano potenzierà la sua capacità aerea in generale (non solo dall’Italia), con una previsione di 73 voli giornalieri da 25 destinazioni in Europa verso 10 città gateway degli Stati Uniti. Ne parliamo in un’intervista esclusiva con Frederic Schenk, regional Sales manager per il Sud Europa di Delta Airlines.

 Gv: Quali sono i voli Delta confermati dall’Italia – e le frequenze – per la Winter 2021-2022?

“Quest’inverno, Delta opera voli giornalieri da Roma a New York e Atlanta e un volo giornaliero da Milano a New York”.

Gv: Quali i primi riscontri in termini di prenotazioni per il segmento leisure e corporate?

“Le prenotazioni di Delta stanno andando molto bene. Negli Stati Uniti, i viaggi leisure sono tornati ai livelli pre-pandemia e con la riapertura degli Stati Uniti ai visitatori europei, stiamo vedendo la ripresa iniziare a prendere forma anche in Italia. Nelle sei settimane dall’annuncio della riapertura negli Stati Uniti, Delta ha registrato un aumento del 450% delle prenotazioni dai point-of-sales internazionali globali rispetto alle sei settimane precedenti l’annuncio. Anche molti voli internazionali sono operativi al 100% dall’8 novembre, con un elevato volume di passeggeri prenotato per le settimane successive. Anche il corporate travel si sta riprendendo, ma a un ritmo più lento. Riteniamo che un pieno recupero in quel segmento richiederà fino alla fine del 2022”.

Gv: Qual è la situazione attuale della flotta Delta? Quali le implementazioni in corso?

“In termini di rinnovo della flotta, Delta prevede di prendere in consegna il suo primo A321neo nella prima metà del 2022, con consegne che proseguiranno fino al 2027. L’A321neo offre un miglioramento dell’efficienza del carburante del 12% rispetto all’A321ceo, e farà parte della nostra flotta principale, operativa a livello domestico. Inoltre, Delta ha i diritti di acquisto per altri 70 A321neo. Gli A321neo di Delta saranno dotati di posti a sedere totali per 194 passeggeri, 20 in First Class, 42 in Delta Comfort+ e 132 in Main Cabin. Con il graduale ritorno dei viaggi internazionali nel 2021, Delta ha approfittato della ripresa per aggiornare e dotare la sua flotta di Airbus A330 e Boeing 767-300 con la cabina Delta Premium Select, precedentemente focalizzata sui mercati transpacifici a lungo raggio. Entrambi i tipi di flotta riceveranno anche ulteriori aggiornamenti come servizi igienici rinnovati e nuova illuminazione della cabina a led. Con questo aggiornamento della flotta, ogni volo per l’Europa entro la prossima estate offrirà un’esperienza a bordo coerente con una scelta di quattro esperienze volo: Delta One o Delta One Suites, Delta Premium Select, Delta Comfort+ e Main Cabin, ognuna volta a rispondere alle esigente di diverse tipologie di viaggiatori”.

Gv: Come si presenta lo schedule per la prossima estate 2022?

“Delta ha aumentato in maniera consistente l’offerta per il suo programma estivo 2022. Per quanto riguarda i viaggi transatlantici, l’abolizione delle restrizioni negli Stati Uniti e all’estero, oltre ai crescenti tassi di vaccinazione e all’enorme domanda latente, ci fanno prevedere che i viaggi in Europa aumenteranno la prossima estate. Il programma dell’estate 2022 di Delta, che è il più grande vettore a livello transatlantico da New York e da Boston, aumenterà del 90% la capacità aggiuntiva rispetto all’estate del 2021. In totale, Delta prevede di operare fino a 73 voli giornalieri da 25 destinazioni in Europa verso 10 città gateway degli Stati Uniti”.

Gv: Ci sono altre novità per quanto riguarda il mercato italiano?

Delta ritornerà sul mercato italiano in maniera importante nell’estate 2022: raddoppieremo i voli giornalieri per New York da Milano e Roma e riprenderemo il collegamento per New York da Venezia. Riprenderemo anche il volo Milano-Atlanta (tratta operata per l’ultima volta nel 2019) e il collegamento Atlanta-Venezia. Il volo da Atlanta a Roma, operato annualmente, aumenterà a due collegamenti giornalieri nell’estate 2022. Riprenderà anche il volo da Roma a Boston. La prossima estate, tutti i nostri voli dall’Italia offriranno per la prima volta Delta Premium Select, la nostra cabina premium economy. Ciò significa che i nostri passeggeri in partenza dall’Italia avranno la possibilità di scegliere tra tutte e quattro le esperienze a bordo quando volano negli Stati Uniti”.

Gv: C’è il rischio di una overcapacity sulle rotte transatlantiche vista la rinnovata capacità aerea globale e l’attuale persistente incertezza di mercato?

“Nonostante l’ampia offerta, vediamo che la domanda è forte sul mercato transatlantico e contiamo sull’elevata qualità e la capillarità dei collegamenti che offriamo, con un prodotto che è leader nel segmento, dato che ci viene riconosciuto dai passeggeri che ogni giorno scelgono di volare con noi. Abbiamo anche imparato molto dalla situazione pandemica. Eravamo in una posizione forte, finanziariamente, entrando nella pandemia, e questo ci ha permesso di riemergere con forza. Abbiamo registrato il nostro primo profitto post-Covid nel mese di giugno e abbiamo ricostruito la nostra rete europea da quando l’Ue ha riaperto in estate. Con gli Stati Uniti ora aperti ai visitatori europei, i nostri clienti su entrambe le sponde dell’Atlantico possono, ancora una volta, ritrovare la gioia di viaggiare”.

Laura Dominici

Tags:

Potrebbe interessarti