Stagione bianca, Lombardia al cancelletto di partenza

La Lombardia d’inverno offre divertimento e attività all’aria aperta per gli amanti degli sport sulla neve. Oltre allo sci declinato in ogni sua forma – alpino, nordico, freeride, snowboard – si possono sperimentare emozioni nuove come sleddog, slitte trainata dai cani, fatbike e snow tubing, una sorta di rafting sulla neve.

“Siamo pronti – ha dichiarato l’assessore regionale Marketing territoriale e Moda Lara Magoni presentando la stagione invernale alle porte – per accogliere gli amanti della neve e tutti coloro che desiderano scoprire la ricchezza e la varietà del nostro territorio. Il turismo montano è uno degli ambiti strategici nel posizionamento turistico della destinazione Lombardia: siamo al quarto posto in Italia per chilometri di piste e al terzo per comprensori/impianti. Le buone performance estive della montagna ci fanno ben sperare per una stagione invernale che, auspichiamo, possa riscattare le grandi sofferenze postCovid, rilanciare gli sport invernali e, in prospettiva, tracciare un percorso verso le Olimpiadi del 2026”.

Non solo sci

La stagione invernale si preannuncia ricca di opportunità per la montagna lombarda, caratterizzata dal lavoro di pianificazione delle Olimpiadi invernali 2026 e da un’offerta turistica in linea con le più recenti tendenze di viaggio.

“Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, fino ai Piani di Bobbio e Valtorta – ha spiegato l’assessore Magoni – in Lombardia si trovano 112 valli, 27 comprensori sciistici, 476 piste da discesa, 324 chilometri per lo sci di fondo e 14 snowpark, 6.700 chilometri di sentieri segnalati, nonché 2.700 maestri di sci che operano in oltre 69 scuole di sci. Insomma, la Lombardia è tutta da scoprire, in ogni stagione, con un’offerta completa e adatta a tutti”.

Alpi e Prealpi lombarde offrono una grande varietà di esperienze per vivere appieno il territorio anche d’inverno: trekking per tutti i livelli, cicloturismo, cammini religiosi, centri termali di rilievo, parchi naturali, itinerari enogastronomici, borghi e siti Unesco, shopping e artigianato.

“Regione Lombardia – ha concluso Magoni – ha investito oltre 2 milioni e mezzo per specifiche azioni di promozione per la stagione invernale con un piano di comunicazione media multicanale e digital rivolto al mercato europeo e nazionale, utilizzando il soggetto creativo della campagna Vorrei la vedessi come me. Ogni giorno”.

Presenti all’incontro anche gli esponenti dei territori: Francesco Mariani, responsabile Sales e Marketing di Visit Bergamo, Graziano Pennacchio, ad di Visit Brescia, Fabio Dadati, presidente di Lariofiere, Roberto Galli, presidente di Valtellina Turismo, Manuel Pozzoni, product manager di Valtellina Turismo.

La riapertura degli impianti è prevista, a seconda delle località, dal 27 novembre al 4 dicembre.

Tags:

Potrebbe interessarti