Bonus vacanze, cosa fare se non si può più partire

A fine mese scadrà il termine per usufruire del bonus vacanze. Ma i viaggi degli italiani sono scoraggiati dall’aumento dei casi e dal rischio che alcune Regioni cambino colore prima di Natale. Inoltre c’è anche la possibilità di non poter più viaggiare a causa di una positività al Covid-19. Cosa succede se non si può più partire per il viaggio prenotato con il bonus vacanze? SkyTg24 ricapitola quel che c’è da sapere.

Il bonus vacanze può essere utilizzato entro il prossimo 31 dicembre per il pagamento di servizi e di pacchetti turistici offerti dalle imprese turistico ricettive, dalle agenzie di viaggi e tour operator, dagli agriturismi e dai bed & breakfast; spetta nella misura massima di 500 euro per i nuclei familiari con Isee inferiore a 40mila euro composti da tre o più persone, 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone, 150 euro per quelli composti da una sola persona. Deve essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica (o un’unica agenzia viaggi o tour operator). Nel caso di corrispettivo dovuto inferiore al bonus, la parte che resta non è più utilizzabile

È l’Agenzia delle entrate a chiarire cosa succede nel caso in cui il cittadino abbia già pagato il corrispettivo e utilizzato il bonus prima della partenza e successivamente non possa più recarsi in vacanza. L’importo dello sconto per bonus vacanze “non può essere, in alcun caso, oggetto di rimborso da parte dell’operatore turistico nel caso di mancata fruizione del soggiorno”, si legge sul sito dell’Agenzia. Quindi se non si può partire, per qualsiasi motivo – tra cui anche una positività al Covid – il bonus non può essere oggetto di rimborso, spiega SkyTg24.

Solo un mese fa erano 35 milioni gli italiani che stavano progettando di partire per il periodo natalizio, ma a causa del peggioramento della situazione pandemica, molti ci hanno ripensato. Ad oggi, mancano 11 milioni di prenotazioni. Senza contare le disdette sulle prenotazioni già fatte, che secondo un’indagine di Confturismo-Confcommercio ammontano a 2,5 milioni

 

Tags:

Potrebbe interessarti