Le nuove frontiere nel marketing digitale

Dai Non Fungible Token (Nft) alle nuove piattaforme fino alle dirette sempre più diffuse di social live shopping è un tripudio di strumenti in rapido cambiamento che compongono l’ecosistema digitale. Sono alcuni dei trend che si rafforzeranno nel 2022 secondo Buzzoole, martech company specializzata in tecnologie e servizi per l’influencer marketing.

I creator più all’avanguardia, infatti, stanno già sperimentando la generazione e la vendita degli Nft, pacchetti di informazioni che rappresentano un oggetto fisico o digitale (un file di un video, di un’immagine o di un audio) insieme alla certificazione della sua origine e della proprietà. Gli Nft vengono generati e gestiti attraverso la tecnologia blockchain.

Inoltre, gli Nft vengono definiti non fungibili perché sono unici e non possono essere sostituiti, ma possono essere venduti in cambio di denaro.

Le fonti di reddito

Questi “token” rappresentano una nuova fonte di reddito e in futuro potrebbero trasformarsi in un “biglietto di accesso” alla community esclusiva del creator, rafforzando dunque il rapporto con il proprio seguito di follower e sostenitori. Nell’ambito artistico, inoltre, i token possono essere usati anche come “azioni” (diritti di proprietà) per partecipare ad un progetto promosso dal creator e condividerne gli utili.

Anche i brand e le aziende stanno guardando al mondo degli Nft, stimolando in particolare il collezionismo e il legame con i clienti più fedeli. Ad esempio: Coca-Cola ha venduto la versione Nft di alcuni oggetti iconici vintage. Nel settore del fashion, Dolce & Gabbana hanno creato una collezione di abiti e gioielli fisici corredati dai corrispondenti Nft.

Le nuove frontiere

Guardando al futuro, nel 2022 ci saranno altre frontiere che creator e aziende dovranno esplorare, a partire dal Metaverso nel quale sta già investendo Zuckerberg. Questi universi digitali saranno sempre più immersivi, ma già oggi richiedono la scelta di un avatar e la corrispettiva personalizzazione con abiti e accessori.

Gianluca Perrelli, ceo di Buzzoole dichiara: “Nel 2022 l’ecosistema dell’influencer marketing continuerà ad evolvere e il processo è già in atto. Sia i creator che le aziende dovranno prepararsi ad un nuovo modo di stare sul mercato tenendo conto delle soluzioni che tutti i social network stanno rilasciando per rendere i progetti di influencer marketing sempre più efficaci”.

Le aziende – aggiunge Perrelli – dovranno capire come usare le innovazioni tecnologiche per ottimizzare i propri processi di marketing e capire come interagire con i consumatori, sempre più sensibili a format di intrattenimento che stimolano la fase di conversione nei loro processi di acquisto”.

Nell’ultimo anno tutte le piattaforme social hanno introdotto nuove fonti di monetizzazione: condivisione sui guadagni sull’adv, abbonamenti, donazioni, piattaforme di compravendita di prodotti e/o servizi, oltre ai fondi dedicati agli influencer più bravi. In aggiunta, sono sorte anche piattaforme specifiche nate con l’obiettivo di rendere monetizzabili i contenuti.

Un altro trend interessante che unisce aziende, consumatori e influencer è quello del live shopping. Ormai i social media si sono trasformati in luoghi nei quali trovare ispirazione d’acquisto e comprare. In questo scenario gli influencer stanno diventando sempre più i protagonisti perché perno del fenomeno del live shopping, nuovi formati di dirette sui social e su piattaforme dedicate nelle quali l’intrattenimento si sposa con la vendita di prodotti.

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato