Itinerari culturali di Spagna, meraviglie senza tempo

Visitare la Spagna significa viaggiare nel tempo e lasciarsi sorprendere da monumenti che spaziano da un imponente acquedotto dell’antico Impero Romano a castelli medievali o all’architettura d’avanguardia. Nei secoli le culture si sono amalgamate, rendendo il territorio affascinante grazie a una delle eredità artistiche più notevoli al mondo.

La Spagna dell’arte e della cultura vanta un’offerta turistica di qualità, che attira ogni anno milioni di persone da tutto il mondo. Al di là dei luoghi più riconoscibili c’è un Paese affascinante, con una straordinaria diversità e una ricchezza storica, naturale ed etnografica senza pari, frutto delle diverse civiltà che l’hanno abitata durante i secoli.

È facile rimanere estasiati dalle suggestioni nascoste dietro a ogni opera. Gli itinerari culturali della Spagna sono un invito a scoprire la ricchezza dell’interno di questo Paese attraverso percorsi che lo attraversano da Nord a Sud e da Est a Ovest. Scegliere uno di questi itinerari significa entrare nel cuore della storia della Spagna, della sua cultura e della sua gente. È percorrere a un viaggio indimenticabile tra siti patrimonio dell’umanità, villaggi pittoreschi, paesaggi mozzafiato, tradizioni religiose, siti archeologici di fama mondiale, feste uniche e una gastronomia sorprendente e varia.

Un Paese ricco di storia

Percorriamo insieme alcuni itinerari perfetti per visitare la Spagna. Si tratta di percorsi che attraversano aree molto vaste e che permettono di scoprire il retaggio delle civiltà che hanno abitato queste terre. Sono viaggi modulabili a seconda del tempo a disposizione e che consentono di godere delle principali eccellenze storico-artistiche.
Si snodano su strade che si addentrano nelle tradizioni dei paesi trasformando in realtà i versi di Machado: “Viandante, non c’è cammino, il cammino si fa andando”.

Dalla Via dell’Argento all’itinerario di Carlo V

La Via dell’Argento è stata la grande strada dell’Impero Romano in Spagna. In passato il tracciato univa il Nord e il Sud della Hispania romana mentre oggi porta a destinazioni di grande interesse come Siviglia, Cáceres, Salamanca, León, Gijón o Mérida. Quest’ultima custodisce uno dei complessi archeologici romani meglio conservati del mondo, dichiarato Patrimonio Mondiale dall’Unesco, così come lo sono diversi monumenti di altre tappe dell’itinerario.
Oggi è possibile rivivere l’ultimo viaggio dell’imperatore Carlo V grazie a un itinerario che attraversa le regioni della Cantabria, della Castiglia e León e dell’Estremadura. Il percorso comincia a Laredo (Cantabria), dove l’imperatore giunse nell’anno 1556 per intraprendere il tragitto fino al Monastero di Yuste, situato a Cuacos de Yuste, in Estremadura. In questo luogo visse i suoi ultimi giorni lontano dalla vita pubblica.

Tra Passione, arte rupestre e il Cammino del Cid

Tradizione, arte e cultura popolare sono i segni distintivi dell’itinerario della Passione, che si addentra nella regione dell’Andalusia, nella Spagna meridionale. Il percorso consentirà di scoprire dieci paesi distribuiti tra Jaén, Cordova e Siviglia e partecipare a feste popolari come la Pasqua, scoprirne l’artigianato e assaporarne la gastronomia più tipica.
Le pitture rupestri rappresentano l’antesignana espressione artistica del mondo. Qui è possibile scoprire l’arte dei primi europei. Parliamo di Altamira e dell’arte rupestre paleolitica della cornice cantabrica, dichiarata Patrimonio Mondiale dall’Unesco, ma anche di tante altre grotte, caverne o costruzioni megalitiche che permetteranno di scoprire l’arte dei primi uomini visitabile in quasi tutta la Spagna.
Il Cammino del Cid è un itinerario letterario e storico che segue le orme del leggendario Cid Campeador, protagonista della famosa opera castigliana del XII secolo “Poema del mio Cid”. Il percorso attraversa le regioni della Castiglia e León, della Castiglia-La Mancia, dell’Aragona e della Comunità Valenciana, permettendo scoprire luoghi dichiarati Patrimonio Mondiale dall’Unesco come la Cattedrale di Burgos, l’architettura mudéjar dell’Aragona o il Palmeto di Elche e straordinari spazi naturali.

Visitare la Spagna offre dunque l’opportunità di entrare in contatto diretto con la storia delle civiltà. Sono ben 15 le città Patrimonio dell’Umanità da scoprire, ciascuna con monumenti eccezionali e scorci unici.

E gli itinerari culturali costituiscono anche l’occasione per scoprire le usanze del luogo in un’immersione“storica” che trasporterà in altre epoche di splendore artistico.

Tags: ,

Potrebbe interessarti