Fto al governo: “Sostegni congrui e immediati”

Sostegni congrui e immediati, perché la pandemia continua a mordere e il turismo organizzato è fermo ormai da due anni e non possiamo accontentarci di qualche briciola raccattata tra le pieghe del bilancio pubblico”. Così si esprime in una nota il presidente di Fto, Franco Gattinoni, premettendo che “non tocca a noi entrare nel dibattito tecnico e politico sulla necessità o meno di uno scostamento di bilancio”.

Cdm in programma

In vista del Cdm di giovedì, che dovrebbe varare nuovi ristori all’economia, Gattinoni spiega che “servono subito un ampio rifinanziamento della Cig Covid almeno fino al 30 giugno 2022, naturalmente con validità retroattiva dal primo gennaio, e contributi diretti per almeno 500 milioni di euro. La rapidità è fondamentale, non c’è tempo da perdere, ogni giorno che passa è un giorno colpevolmente sprecato”.

Il settore più colpito

Lo sfogo del presidente di Fto prosegue sottolineando che “il nostro è il comparto più colpito dalla pandemia e ci sono decine di migliaia di posti di lavoro a rischio. Ecco perché chiediamo anche l’estensione del credito d’imposta sulle locazioni commerciali con la possibile cessione fino a fine giugno”.Altro suggerimento che perviene da Fto è quello di evitare contributi a pioggia che perseguono spesso la logica del consenso politico di corto respiro e finiscono per perdersi in mille rivoli, ridimensionando l’efficacia dello sforzo finanziario.

Tags:

Potrebbe interessarti