I viaggi sostenibili al centro delle proposte di Bit 2022

Nomadi digitali che lavorano da una baita in montagna o su una spiaggia di sabbia bianca. Un nuovo concetto di lusso inteso come benessere e tempo per se stessi. L’interesse crescente per le destinazioni di prossimità, con la loro offerta di enogastronomia, cultura ed arte. Gli ultimi due anni hanno accentuato alcune tendenze già in atto e he hanno lanciate di nuove. Con un denominatore comune: viaggi sempre più sostenibili e responsabili.

La nuova centralità del turismo sostenibile è confermata anche dai dati. Secondo il rapporto 2020 della Fondazione UniVerde, per il 74% degli italiani il turismo sostenibile è il più sicuro nella fase post-Covid, mentre il 71% lo considera eticamente più corretto e più vicino alla natura e l’84% lo vede anche come un’opportunità di sviluppo economico.

Le proposte per sostenere il rilancio del turismo in chiave sostenibile saranno protagoniste a Bit, dal 10 al 12 aprile 2022. In particolare, la sostenibilità sarà una delle macroaree del ricco palinsesto di eventi e sarà presente, come tema trasversale, nell’intero programma.

Si discute di recovery plan in connessione alla sostenibilità, ad esempio, ma come realizzarla? Se ne parlerà in ‘Pnrr e reti d’impresa territoriali: la grande opportunità per lo sviluppo circolare’, con affondi su turismo di prossimità, erogazione dei fondi e sinergie tra attori pubblici e privati. La sostenibilità come tema sociale oltre che ambientale sarà affrontata in ‘Il viaggio come un approccio etico al territorio e alle sue risorse’.

Tra le tendenze emerse con forza in questi mesi, quella dei “nomadi digitali”, nell’appuntamento ‘Il bleisure e le nuove dimensioni del viaggio in una logica rispettosa della biodiversità’, verrà declinata come opportunità di ripartenza per il business travel. ‘La realtà dei viaggi spaziali: player, prime partenze, espansione della customer experience’ affronterà infine l’avventurosa conquista di ulteriori strati dell’atmosfera.

E ancora, l’evento ‘Turismo enogastronomico, più green, più inclusivo e sociale’ nell’area tematica Food Travel sarà un esempio di come la sostenibilità sia trasversale a tutto il palinsesto: l’evento spiegherà come in questo segmento il viaggiatore provi un crescente desiderio a partecipare a esperienze connotate da un approccio green.

Ma l’impegno non si esaurisce nel dare visibilità alle proposte di turismo sostenibile. Bit 2022 adotterà infatti pratiche più sostenibili anche per la preparazione e realizzazione della manifestazione: ad esempio, con l’utilizzo di materiali più facilmente riciclabili o riutilizzabili e iniziative per la riduzione dei consumi energetici, anche nell’ottica di un futuro percorso di certificazione. Le stesse pratiche verranno anche promosse e facilitate per l’applicazione da parte degli espositori.

Tags:

Potrebbe interessarti