Diversificazione: la soluzione di Todra

Bruno Alegi, titolare di Todra, fa il punto sull’anno appena passato e sulle prospettive di quello in corso. Non nasconde le problematiche e gli ostacoli sempre in agguato che cambiano le carte in tavola, come il fermo di alcuni Paesi come la Giordania, quando sembrava dovesse essere una delle poche destinazioni possibili per il Capodanno appena trascorso.

Nel cassetto…

“Siamo in attesa – sottolinea Alegi -,  soprattutto dell’apertura del Marocco, una delle nostre principali destinazioni, che dovrebbe essere fruibile a partire dal 31 di gennaio. E ho nel cassetto, oltre ai viaggi classici che da anni proponiamo in Marocco, due iniziative importanti: una con la collaborazione della Federazioni ciclistica marocchina e un’altra per gli sportivi che si cimenteranno nella scalata del monte Toubkal a cui parteciperò anche io”.

Il Club Intertravel Agent

Alegi lo scorso anno ha creato il Club Intertravel Agent per far viaggiare a prezzi contenuti gli agenti di viaggi. “Ho sempre creduto nel lavoro e nel supporto del trade, anche se ora siamo circondati da agenzie chiuse. Il Club in un anno ha contato 1630 iscritti, tra cui agenzie, dmc, stampa specializzata, hotel, sia italiani sia esteri. Come prima partenza abbiamo optato per Dubai – racconta il manager – uno dei Paesi più vaccinati del mondo, portando un centinaio di agenti in sei partenze. Ci ha dato una bella visibilità che ci ha consentito poi di far viaggiare nelle festività appena trascorse numerose persone, sfruttando l’occasione dell’Expo che chiuderà i battenti alla fine di marzo. La pandemia ha fatto quindi scaturire per Todra nuove mete come gli Emirati, le Maldive. Siamo ovviamente in attesa che aprano nuovi corridoi, che riprendano Giordania, Turchia, Iran. Destinazioni che abbiamo sempre trattato – prosegue Alegi – e che stanno aspettando il ritorno dei turisti. La nostra forza è stata la diversificazione e l’entusiasmo che non è mai mancato nel cimentarci in destinazioni che non avevamo fatto prima, anche proponendo, nella passata estate, mare e montagna Italia”.

In tema di pricing

Sul pricing Bruno Alegi ha confermato che molti Paesi – soprattutto il Marocco – non solo non hanno alzato i prezzi, ma a fronte di una situazione di fermo, hanno mantenuto calmierati i costi, tentando di agevolare di fatto il ritorno dei turisti quando riprenderà la programmazione. “La speranza è la ripresa  del turismo per tutte quelle persone che lavorano nell’indotto per poter ricominciare a vivere. A fronte di un miglioramento della pandemia riprenderemo anche le Americhe. Inoltre – ha concluso –, sto lavorando a un progetto: proporre il Nepal, Paese dove sono appena stato e che ha tantissimo da offrire”.

Annarosa Toso

Tags: ,

Potrebbe interessarti