Emirates, tregua sul 5G negli Usa: tornano i voli sospesi

Il ripristino dei voli sugli Usa. L’ha annunciato per domani la compagnia aerea Emirates, dopo il rinvio dell’implementazione delle reti 5G negli aeroporti statunitensi e le note formali emesse da Federal Aviation Administration e Boeing che revocano le precedenti restrizioni sulle operazioni aeree.

Dal 21 gennaio, la compagnia aerea tornerà quindi con i suoi Boeing 777 per Chicago, Dallas Fort Worth, Miami, Newark, Orlando e Seattle.

I servizi Emirates per Los Angeles, New York Jfk e Washington Dc rimangono inalterati. I voli per Boston, Houston e San Francisco, sui quali la compagnia aerea aveva temporaneamente disposto gli Airbus 380 il 20 e 21 gennaio, torneranno ad essere operati con i Boeing 777 da sabato 22 gennaio.

All’inizio di questa settimana, Emirates ha sospeso i suoi servizi verso alcune destinazioni statunitensi sulla base dell’avviso della Faa e delle raccomandazioni di Boeing su possibili interferenze tra le antenne 5G e i sistemi degli aeromobili, poiché la sicurezza delle operazioni è la massima priorità.

Sir Tim Clark, presidente di Emirates Airline, ha dichiarato: “Ci scusiamo per il disagio causato ai nostri clienti dalla sospensione temporanea dei voli verso alcune delle nostre destinazioni statunitensi. La sicurezza sarà sempre la nostra priorità assoluta e non metteremo mai in discussione questo fronte. Accogliamo con favore l’ultimo sviluppo che ci consente di riprendere i collegamenti di trasporto essenziali con gli Stati Uniti per servire i viaggiatori e gli spedizionieri di merci. Tuttavia, siamo anche molto consapevoli che si tratta di una tregua temporanea e che sarebbe necessaria una risoluzione a lungo termine. Emirates continuerà a lavorare a stretto contatto con i produttori di aeromobili e le autorità di regolamentazione competenti per garantire la sicurezza e la continuità dei nostri servizi”.

Tags:

Potrebbe interessarti