Le previsioni del Wttc: nel 2022 forte ripresa del settore europeo dei viaggi

Buone notizie per il settore dei viaggi, il Wttc prevede una forte ripresa nel 2022 per il fronte europeo. Numeri alla mano si parla di un aumento di oltre il 250% delle prenotazioni europee per Pasqua rispetto al 2021.

I dati

Il World Travel & Tourism Council ha rivelato, infatti, che le prenotazioni per i viaggi intraeuropei nel periodo pasquale sono aumentate di oltre il 250%, mentre le prenotazioni estive sono attualmente dell’80% superiori ai livelli del 2021. Secondo ForwardKeys, partner del Wttc, società di analisi e dati di viaggio, le prenotazioni di voli intraeuropei sempre in relazione al periodo pasquale ed estivo sono aumentate rispetto allo scorso anno, dando un gradito impulso alle attività di viaggi e turismo in tutto il continente.

Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc, ha dichiarato che “gli ultimi dati sulle prenotazioni mostrano che gli europei sono positivi riguardo alla possibilità di viaggiare di nuovo. Omicron ha influenzato l’inizio dell’anno, ma poiché i contagi stanno raggiungendo il picco, le persone stanno tornando di nuovo a prenotare. I problemi si verificano quando i governi reagiscono con le restrizioni di viaggio – fa presente il presidente -. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che la chiusura delle frontiere è inutile quando Omicron è già diffuso nella società. Tutto ciò che fa è danneggiare l’economia e i mezzi di sussistenza. Secondo le ultime prove scientifiche, sebbene più trasmissibile, Omicron è meno grave e porta a meno ricoveri e decessi. Pertanto, chiediamo ai governi di ridurre tutte le restrizioni di viaggio e consentire ai viaggiatori completamente vaccinati di circolare liberamente”. Poi Simpson cita il caso della Spagna, Paese ospitante di Fitur, che “mantiene aperti i suoi confini e sostiene la libera circolazione e l’economia”.

Tra Pasqua ed estate

Secondo i dati di prenotazione, i viaggi intraeuropei durante la Pasqua e l’estate nel 2022 dovrebbero essere inferiori ai livelli pre-pandemia rispettivamente del 38% e del 45%. Tuttavia, poiché i Paesi del continente continuano ad allentare le restrizioni di viaggio, le prime indicazioni mostrano che la ripresa sta prendendo slancio e potrebbe avvicinarsi ancora di più ai livelli del 2019 mentre si va verso l’estate. Inoltre, durante il primo trimestre, i viaggi intraeuropei hanno assistito ad un aumento delle prenotazioni del 275%, mentre gli ultimi dati sulle prenotazioni mostrano che gli arrivi internazionali verso destinazioni europee vedranno un aumento di oltre il 280% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Le mete più popolari

Quali sono le mete dei viaggi? A detta del Wttc la Spagna è pronta a diventare la destinazione più popolare per i viaggiatori europei, con gli arrivi in Spagna durante il primo trimestre del 2022 attualmente in aumento del 320% (anno su anno), seguita dalla Turchia.
Nel 2019, il settore globale dei viaggi e del turismo ha contribuito all’economia con quasi 9,2 trilioni di dollari e ha rappresentato il 10,6% di tutti i posti di lavoro (334 milioni). Secondo la ricerca del Wttc, nel 2020, quando la pandemia ha quasi bloccato i viaggi internazionali, sono stati persi 62 milioni di posti di lavoro e il contributo del settore al Pil globale è diminuito di 4,5 trilioni di dollari.

Tags: ,

Potrebbe interessarti