Iata: “I viaggi da gestire come l’accesso ai centri commerciali”

Iata in collaborazione con Airlines for America (A4A) e 28 gruppi di parti interessate dell’aviazione, dei viaggi e del turismo statunitensi e internazionali, ha esortato il governo degli Stati Uniti a rimuovere l’obbligo di test pre-partenza per i viaggiatori aerei completamente vaccinati che volano verso gli Stati Uniti.

Rimuovere l’obbligo di test pre-partenza

La popolazione di viaggiatori vaccinati non aggiunge ulteriori rischi alla popolazione nazionale degli Stati Uniti. L’aumento dei livelli di immunità, la pervasività del Covid-19 in tutti i 50 Stati degli Stati Uniti, l’aumento dei tassi di vaccinazione e nuove terapie indicano tutti la rimozione dell’obbligo di test per i viaggiatori completamente vaccinati, sottolinea una nota Iata.

“L’esperienza di Omicron ha chiarito che le restrizioni di viaggio hanno un impatto minimo o nullo in termini di prevenzione della sua diffusione – afferma Willie Walsh, direttore generale di Iata -. Inoltre, poiché Omicron è già ampiamente presente negli Stati Uniti, i viaggiatori completamente vaccinati non comportano rischi aggiuntivi per la popolazione locale. I viaggiatori internazionali non dovrebbero essere soggetti a requisiti di screening aggiuntivi rispetto a quelli applicati ai viaggi nazionali. Infatti, in questa fase della pandemia, i viaggi dovrebbero essere gestiti allo stesso modo dell’accesso a centri commerciali, ristoranti o uffici”, dice Walsh.

I dati degli Stati Uniti

Più di 74,3 milioni di persone, ovvero almeno il 22% della popolazione degli Stati Uniti, hanno avuto il Covid-19, e questo è quasi certamente un numero insufficiente a causa di infezioni asintomatiche e test limitati all’inizio della pandemia. Se combinati con una popolazione adulta che è completamente vaccinata al 74%, è chiaro che gli Stati Uniti stanno sviluppando livelli molto elevati di immunità della popolazione.

Le organizzazioni hanno anche notato che la Ue ha raccomandato ai suoi Stati membri di rimuovere le restrizioni di viaggio Covid-19 per i viaggi all’interno della Ue. Il Regno Unito ha annunciato la rimozione dei test pre-partenza per i viaggiatori aerei vaccinati per l’ingresso nel Paese. Il costo sia per i passeggeri sia per le compagnie aeree del test non poteva più essere giustificato poiché non vi erano prove che proteggesse la popolazione dal Covid-19.

Ricerche recenti di Oxera ed Edge Health in Italia, Finlandia e Regno Unito sono a supporto del fatto che le misure di viaggio fanno poco per controllare la diffusione del Covid-19 quando è già ampiamente presente nella popolazione locale.

Inoltre, un recente sondaggio di Iata sui viaggiatori aerei ha mostrato che il 62% degli intervistati è per la rimozione del test per coloro che sono completamente vaccinati. “La rimozione dell’obbligo di test pre-partenza per i viaggiatori completamente vaccinati sosterrà notevolmente il recupero dei viaggi e dell’aviazione negli Stati Uniti e nel mondo senza aumentare la diffusione del Covid-19 e delle sue varianti nella popolazione statunitense”, ha concluso Walsh.

Tags:

Potrebbe interessarti