Abta: no al ritorno delle restrizioni ai viaggi per i vaccinati

Abta sta concentrando i suoi sforzi per garantire che non vi siano restrizioni al ritorno dei viaggi per chi è vaccinato poiché le prenotazioni stanno riprendendo. E’ quanto scrive Travelweekly.co.uk, da cui si apprende che l’associazione di categoria ha rivelato che meno della metà dei suoi aderenti ha avuto accesso con successo alle sovvenzioni per restrizioni aggiuntive dai consigli locali in Inghilterra, una delle poche forme di assistenza finanziaria disponibile dal governo.

L’obiettivo

“Il nostro obiettivo è assicurarci che non ci siano restrizioni ulteriori – ha affermato l’amministratore delegato Mark Tanzer -. Stiamo lavorando con il Tesoro per fornire prove di quanto velocemente le restrizioni limitino la domanda. Abbiamo chiarito che il settore è in difficoltà finanziarie dopo due anni di inattività, ma l’obiettivo delle nostre discussioni con il Tesoro ora è assicurarci che le restrizioni non tornino”, ribadisce l’a.d.

Le sovvenzioni

Tanzer non nasconde che “sarà un periodo teso, pertanto garantire che il governo ne sia consapevole e che i meccanismi di supporto siano presenti è ancora una priorità”. L’a.d. si sofferma sul tema degli aiuti ricevuti dal settore, osservando che il governo ha fatto presente che “tour operator e agenzie di viaggi sono idonei” per riceverli, ma ha rivelato che “meno del 50%” dei membri ha avuto accesso alle sovvenzioni, affermando che si tratta di “un processo burocratico e dispendioso in termini di tempo, la discrezione spetta alle autorità locali”. Dal canto suo ha messo in evidenza che è stato “fatto di tutto per assicurarci che si rendessero conto della pressione a cui sono soggette le aziende e della loro idoneità”.

Il sondaggio

Un sondaggio tra i membri di Abta a dicembre ha dipinto un quadro cupo, visto che le aziende hanno dichiarato che il fatturato era solo al 22% dei livelli pre-pandemia. Abta ha voluto sondare nuovamente il mercato, esortando i membri a partecipare a un nuovo sondaggio sulle prenotazioni la scorsa settimana, augurandosi che ne possa emergere un quadro più positivo.

Tags:

Potrebbe interessarti