Innovazione, sostenibilità, digital e sicurezza il cuore di Bit 2022

Un appuntamento dai contenuti rinnovati, in parte figli del biennio appena trascorso. Paolo Pizzocaro, exhibition director business unit Food, Tech, Travel & Industry di Fiera Milano accende i riflettori su Bit 2022, in programma a FieraMilanoCity da domenica 10 a martedì 12 aprile, chiarendone subito la valenza innovativa nel settore.

“Dalla sicurezza al risk management, tanto leisure quanto business, i viaggi sono cambiati. La tecnologia e la connessione non stop sono diventati la regola base e sul mercato irrompono nuove figure professionali. Nostro malgrado, a causa della pandemia abbiamo dovuto cambiare schemi e abitudini. L’unica cosa certa è si viaggia e si continuerà a farlo con maggiore forza man mano che vengono meno le restrizioni. Lo testimoniano i nostri espositori, tra i quali conferme, molti “ritorni” ma anche nuovi player sul mercato e la forte presenza della maggior parte delle regioni italiane – Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Veneto hanno già confermato – con nuovi prodotti e accattivanti opportunità. Siamo molto orgogliosi del Villaggio Astoi, che ospita oltre 20 top tour operator, tra cui Alpitour, Alidays, I Viaggi del Mappamondo, Futura vacanze, Guiness Travel, Ota Viaggi e, naturalmente, della presenza di Enit. Saranno presenti con i loro stand in  numerosi altri t.o., da nomi storici come Gattinoni agli emergenti come il sudanese Shiruq Viaggi. Già forte, poi, la partecipazione delle destinazioni estere”.

Il fitto palinsesto convegnistico, progettato da Business International e Fiera Milano, spingerà sull’acceleratore dell’innovazione grazie al filo conduttore Bringing innovation into Travel, che attraverserà le cinque macroaree Food Travel, Hot Topics, Sustainability, Travel Lab e Travel Tech.

“La ripresa è attesa appieno per il 2024 – aggiunge -. Sembra un traguardo lontano ma la prospettiva è vicina. Il nostro non sarà quindi solo un ventaglio di proposte ma una visione, in particolare riguardo all’internazionalità, con un approccio ben diverso da quello che siamo abituati a vedere. Le nostre key word sono sostenibilità, benessere, passione, enogastronomia, nomadi digitali. La pandemia ha generato un’evoluzione e la necessità di reinventarsi con energia. Ben lo dimostra la presenza di oltre 300 buyer da Europa (41%), dalle Americhe, dai Paesi del Golfo e da altri mercati estremamente interessanti”.

Per rispondere alle esigenze degli operatori, la manifestazione sarà declinata in tre aree: Leisure, Mice e BeTech.

“La nuova offerta per i viaggiatori è disrupting rispetto al passato tanto quanto lo stimolante panorama di proposte che si va componendo. Siamo in pieno work in progress – ha concluso Pizzocaro -. Molti altri espositori non perderanno l’occasione di essere presenti e attori della ripresa del settore”.

 

Paola Olivari

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato