Altavilla, Ita: ciò che conta è il business plan

“Eravamo partiti molto bene, poi un primo rallentamento per il Covid, ora la guerra in Ucraina anche se noi non voliamo direttamente né su Russia e nemmeno sull’Ucraina. Avevamo notato un notevole incremento di prenotazioni a marzo e aprile, ma è troppo presto per trarre conclusioni, sicuramente un fatto di incertezza che non ci voleva”. A parlare il presidente di Ita Airways, Alfredo Altavilla, a margine della presentazione del programma di fidelizzazione di Ita, Volare e degli aerei dedicati agli sportivi italiani.

Tra alleanze e data room

Sulle alleanze il manager ha sottolineato che “le trattative si fanno nelle segrete stanze. Il lavoro si porta avanti con tutte quelle persone che hanno dimostrato interesse per la compagnia. Non abbiamo preclusioni verso nessuno”. E alla domanda se è vero che l’unica offerta è quella di Msc ha risposto: “Io non ho detto questo, mai detto che la richiesta è solo una. La data room non è ancora partita, lasciamo che la Corte dei Conti termini la sua istruttoria. Aspettiamo buone notizie prestissimo, probabilmente tra oggi e domani. Non date troppa importanza alla data room, siamo nati 4 mesi fa. La cosa importante è studiare un business plan che abbia un senso e che dia una logica di sviluppo alla compagnia dal punto di vista economico e soprattutto occupazionale. Questa è la vera occupazione che dobbiamo avere, poi la data room. Quando la apriremo vi garantisco che la studieremo in 15 giorni. Ora è troppo presto per trarre conclusioni”.

Le novità

Ita Airways ha accolto ospiti, giornalisti e soprattutto sportivi a piazza di Spagna, la saletta vip del vettore, per presentare Volare, il nuovo programma di fidelizzazione della compagnia e annunciare quelle che saranno le novità della summer. La compagnia precedentemente ha portato gli ospiti in pista facendo respirare l’aria del volo, del viaggio, mostrando in anteprima l’aeromobile dedicato a Totti insieme a quello dedicato a Gigi Riva e all’altro aereo, quello con la scritta Born in 2021, che rimarrà con quei colori per ricordare la nascita della compagnia, mentre tutti gli altri aerei in flotta diventeranno blu, il nuovo colore di Ita.

Un futuro digitale

E’ stato Fabio Lazzerini, ceo di Ita a fare il regista della giornata, sottolineando che la nuova compagnia crede nel lavoro di squadra, in un futuro digitale, a bordo non verranno più imbarcati i giornali e nelle salette si potranno leggere online i giornali di 120 Paesi diversi. “Siamo sulla strada giusta per sostenibilità, ma soprattutto per puntualità e regolarità. In questi mesi abbiamo conseguito il 96,9 di voli in orario e il 99,6 di voli regolari. E’ una buona partenza che fa sperare nel futuro”.

La summer

I voli per la summer saranno complessivamente 64 di cui 3 nazionali, 34 internazionali e 7 intercontinentali. “Proprio oggi  – ha commentato il manager – è partito AZ 0630 per Miami che avrà frequenza trisettimanale. Domani da Fiumicino il Boston, per ora bisettimanali. Da giugno si aggiungeranno Los Angeles, Buenos Aires, San Paolo e Tokyo (aeroporto di Haneda). Tanti voli, cui si aggiungeranno i voli estivi per Spagna, Grecia, Croazia e le isole di Lampedusa e Pantelleria.

Lo sport protagonista

La giornata ha visto protagonisti gli sportivi del passato, quelli che hanno fatto grande l’Italia a cui saranno dedicati gli aerei. “Il colore azzurro, quello di Ita è l’azzurro dell’Italia – ha sottolineato Giovanni Malagò, presidente del Coni -. Nessuna azienda ha mai dimostrato tanto interesse nello sport come Ita”. Anche per Valentina Vezzali, sottosegretario di Stato con delega allo Sport, “l’idea di Ita di dedicare gli aerei ai grandi dello sport italiani è da apprezzare, come riconoscimento agli sportivi che hanno fatto molte rinunce per raggiungere gli obiettivi”.

Annarosa Toso

Tags: , ,

Potrebbe interessarti