Estate Klm: +10% di capacità in Europa e +17% sull’intercontinentale

E’ composta da voli diretti verso 167 destinazioni l’estate di Klm. Tra il 27 marzo e il 29 ottobre, il vettore volerà verso 96 destinazioni europee e 71 intercontinentali. La domanda di viaggi aerei è in aumento per via dell’alleggerirsi delle restrizioni Covid-19 in numerosi paesi dell’Ue e per questo Klm ha ampliato la capacità sulle rotte europee del 10% rispetto allo scorso anno, quasi eguagliando il livello pre-pandemia del 2019. Ciò equivale a circa 16 milioni di posti offerti in totale.

Il ritorno del corporate

La compagnia prevede anche il ritorno dei viaggiatori d’affari e maggiori frequenze verranno introdotte per il Regno Unito, la Germania e la Polonia. I servizi per Kiev, San Pietroburgo e Mosca continuano a essere sospesi, mentre si segue da vicino gli sviluppi nella regione.

Aumentata anche la capacità sulla sua rete intercontinentale del 17% rispetto allo scorso anno, in risposta a una tendenza all’aumento delle prenotazioni. Quest’estate Klm opererà voli giornalieri per Aruba, Bonaire e Curaçao, aumentando la frequenza per Curaçao a due volte al giorno durante le vacanze estive. Port of Spain, nuova destinazione, sarà collegata anche durante l’orario estivo, offrendo ai clienti tre voli alla settimana tra Amsterdam e la capitale di Trinidad e Tobago.

I voli per gli Usa

La capacità di Klm per gli Stati Uniti questa estate è uguale a quella del 2019. La ripresa dei voli per Salt Lake City e il nuovo volo per Austin porta a 12 le destinazioni negli Stati Uniti collegate direttamente da Klm il numero più alto di sempre. Sempre più paesi dell’Asia cominciano poi a riaprirsi ai visitatori. Sebbene le restrizioni di viaggio dovute al Covid-19 varino da paese a paese, la domanda estiva è in aumento per destinazioni come Filippine, Thailandia, Singapore e Bali. Anche l’India ha indicato che allenterà le restrizioni di viaggio e KLM aumenterà le frequenze verso Delhi e Mumbai.

Tags: ,

Potrebbe interessarti