Lancia un messaggio positivo Tiziana Della Serra, sales & marketing director di Air Transat e managing director del Gsa Rephouse. Un messaggio che conferma la presenza in termini di collegamenti per l’estate e la fiducia nella partnership con le agenzie: “La collaborazione con le adv è forte e noi puntiamo da sempre sul valore del trade. E’ vero che esistono anche altri canali ma noi coesistiamo. Un aspetto importante – aggiunge – è che il sostegno al trade sia continuo e noi lo stiamo garantendo anche attraverso un customer service sempre attento alle varie esigenze”.

Le chiusure di adv

Quando si affronta il problema della chiusura di tanti punti vendita, come è emerso anche da un sondaggio lanciato da questa testata in cui emerge che il 67% dei rispondenti prevede una chiusura numerica attorno al 30%, Della Serra fa chiarezza: “In molti casi il fenomeno delle chiusure è avvenuto dove non c’è stato ricambio generazionale, ma tanti non hanno smesso di fare l’agente di viaggi, semplicemente si sono trasformati, hanno proseguito l’attività da casa, hanno scelto di fare i consulenti. Un processo iniziato prima del Covid e che poi si è accelerato per varie ragioni. E’ importante ripeterlo: chi sa lavorare può continuare a fare business. Oggi più che mai il contatto personale è importante”.

Il pricing flessibile

Dalle cronache straniere si legge, intanto, che Cathay sta affrontando una segmentazione dei prezzi in tre fasce per la classe economy. “Noi questa segmentazione l’abbiamo già affrontata nel 2019 – commenta Della Serra -. Abbiamo tre livelli di tariffe in economy e dal 2020 la classe Club”. L’economy di Air Transat, infatti, si traduce nella Eco Budget, la più economica ma che non è modificabile o cancellabile e non include il bagaglio in stiva e la selezione del posto; la Eco Standard, in assoluto la più venduta in quanto la migliore per valore di tariffa e contenuto e si trova in tutti i Gds (scelta del posto standard inclusa, un bagaglio in stiva da 23 Kg, un bagaglio a mano da 10 kg, cambio data consentito con supplemento), infine la Eco Flex che ha contenuto diverso per la stessa cabina e sedili.

L’operativo

Alla luce dell’emergenza Covid e dell’incertezza di mercato, il vettore ha tuttora una politica di vendita flessibile, che permette di prenotare tutte le tariffe senza applicare la penalità di modifica. Il trend di mercato denota ancora incertezza con una forte propensione a prenotare sotto data. “Quel che conta – afferma Della Serra – è che noi stiamo dando contenuto ai Gds per garantire strumenti ai professionisti, in modo che possano vendere di più il nostro prodotto”.

Per quanto riguarda l’operatività nel 2022, Air Transat ha mantenuto i tre aeroporti di Roma Fiumicino, Venezia e Lamezia Terme “e lo abbiamo fatto anche tra il 2019 e il 2022”.

La numerica è un po’ più ridotta rispetto al pre-Covid “ma non di tanto”, sottolinea la manager. La compagnia aerea canadese opera da aprile a fine ottobre con nove voli diretti da Roma (5 su Toronto e 4 su Montreal), tre da Venezia (1 su Toronto e 2 su Montreal) e uno da Lamezia su Toronto. Ai diretti si aggiungono anche i collegamenti in connessione. Con la sua specializzazione nel target viaggi e vacanze, Air Transat continua a collezionare premi, come quello nuovamente assegnato da Skytrax come migliore compagnia al mondo per il segmento leisure. Air Transat è anche fortemente impegnata sul piano della sostenibilità e lo scorso novembre ha concluso un accordo con il consorzio Saf, una società che produce tecnologia pulita in Québec (di cui è tra l’altro sostenitrice) ed è stata la prima compagnia nordamericana a siglare un ordine massivo di biocarburante, azione che rientra in un piano più ampio di riduzione emissioni.

Altro esempio concreto di pratica ecosostenibile riguarda il rinnovamento della flotta con 15 Airbus 321 neo Lr in ordine che saranno impegnati sulle rotte fino a sei ore di volo (in Italia il vettore opera con Airbus 330, ndr).

Laura Dominici

 

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti