Viaggi aerei: forte rimbalzo a febbraio

I viaggi aerei hanno registrato un forte rimbalzo a febbraio rispetto al mese di gennaio. Alla base della performance il fatto che gli impatti relativi a Omicron si sono moderati al di fuori dell’Asia. La guerra in Ucraina, iniziata il 24 febbraio, non ha avuto un grande impatto sui livelli di traffico, fa presente Iata. Nel suo report Iata spiega che si sta tornando ai confronti anno su anno, invece che con il periodo 2019.

Il traffico totale a +115,9%

Il traffico totale a febbraio 2022 è aumentato del 115,9% rispetto a febbraio 2021. Si tratta di un miglioramento rispetto a gennaio, che è aumentato dell’83,1% rispetto a gennaio 2021. Rispetto a febbraio 2019, tuttavia, il traffico è stato in calo del 45,5%. Il traffico interno di febbraio è aumentato del 60,7% rispetto al periodo dell’anno precedente, basandosi su un aumento del 42,6% a gennaio 2022 rispetto a gennaio 2021. C’è stata un’ampia variazione nei mercati monitorati da Iata. Il traffico domestico a febbraio è stato del 21,8% inferiore ai volumi di febbraio 2019.

Gli Rpk internazionali sono aumentati del 256,8% rispetto a febbraio 2021, migliorati rispetto a un aumento del 165,5% anno su anno nel gennaio 2022 rispetto al periodo dell’anno precedente. Tutte le regioni hanno migliorato le proprie prestazioni rispetto al mese precedente. Gli Rpk internazionali di febbraio 2022 sono diminuiti del 59,6% rispetto allo stesso mese del 2019.

Il pensiero di Walsh

“La ripresa del trasporto aereo sta prendendo piede poiché i governi in molte parti del mondo revocano le restrizioni ai viaggi. Gli stati che persistono nel tentativo di bloccare la malattia, piuttosto che gestirla, come facciamo con altre malattie, rischiano di perdere gli enormi benefici economici e sociali che porterà un ripristino della connettività internazionale”, ha affermato Willie Walsh, direttore generale Iata.

I diversi mercati

I vettori europei hanno registrato un aumento del traffico del 380,6% rispetto a febbraio 2021, migliorato rispetto all’aumento del 224,3% di gennaio 2022 rispetto allo stesso mese del 2021. La capacità è aumentata del 174,8% e il fattore di carico è salito di 30,3 punti percentuali al 70,9%.

Le compagnie aeree dell’Asia-Pacifico hanno registrato un aumento del traffico del 144,4% rispetto a febbraio 2021, leggermente in aumento rispetto al +125,8% registrato a gennaio 2022 rispetto a gennaio 2021. La capacità è aumentata del 60,8% e il fattore di carico è aumentato di 16,1 punti percentuali al 47,0%. più basso tra le regioni.

Il traffico delle compagnie aeree mediorientali è aumentato del 215,3% a febbraio rispetto a febbraio 2021, in aumento rispetto al +145,0% di gennaio 2022 rispetto allo stesso mese del 2021. La capacità di febbraio è aumentata dell’89,5% rispetto al periodo dell’anno precedente e il fattore di carico è aumentato 25,8 punti percentuali al 64,7%.

I vettori nordamericani hanno registrato un aumento del traffico del 236,7% a febbraio rispetto al periodo del 2021, significativamente aumentato rispetto al +149,0% di gennaio 2022 rispetto a gennaio 2021. La capacità è aumentata del 91,7% e il fattore di carico è salito di 27,4 punti percentuali al 63,6%.

Il traffico delle compagnie latinoamericane è cresciuto del 242,7% rispetto allo stesso mese del 2021, ben oltre l’aumento del 155,2% di gennaio 2022 rispetto a gennaio 2021. La capacità di febbraio è aumentata del 146,3% e il fattore di carico è aumentato di 21,7 punti percentuali al 77,0%, che è stato il load factor più alto tra le regioni per il 17° mese consecutivo.

Le compagnie aeree africane hanno registrato un aumento del 69,5% degli Rpk di febbraio rispetto a un anno fa, un notevole miglioramento rispetto all’aumento del 20,5% anno su anno registrato a gennaio 2022 rispetto allo stesso mese del 2021 – sottolinea Iata -. La capacità di febbraio 2022 è aumentata del 34,7% e il fattore di carico è salito di 12,9 punti percentuali al 63,0%.

Il traffico interno del Brasile è aumentato del 32,5% a febbraio, rispetto a febbraio 2021, un rallentamento rispetto alla crescita del 35,5% anno su anno registrata a gennaio.

Gli Rpk domestici statunitensi sono aumentati del 112,5% su base annua a febbraio, un miglioramento rispetto all’aumento del 98,4% di gennaio rispetto all’anno precedente.

Il 2022 vs 2019

La crescita accelerata registrata a febbraio rispetto a un anno fa sta aiutando la domanda di passeggeri a raggiungere i livelli del 2019. Gli Rpk totali a febbraio sono diminuiti del 45,5% rispetto a febbraio 2019, ben prima del calo del 49,6% registrato a gennaio rispetto allo stesso mese del 2019. La ripresa interna continua a superare quella dei mercati internazionali.

“Con l’accelerazione della tanto attesa ripresa del trasporto aereo, è importante che i nostri fornitori di infrastrutture siano preparati per un enorme aumento del numero di passeggeri nei prossimi mesi – afferma Walsh -. Ora è il momento di prepararsi. I governi possono aiutare garantendo che le posizioni di frontiera siano dotate di personale adeguato e che i controlli di sicurezza in background per il nuovo personale siano gestiti nel modo più efficiente possibile”, ha affermato Walsh.

Tags: ,

Potrebbe interessarti