Dove è più sicuro viaggiare

L’Islanda, seguita da Nuova Zelanda e Canada: l’ultimo State of travel insurance report del provider assicurativo statunitense Berkshire Hathaway Travel Protection individua i 10 Paesi più sicuri per i viaggi nel 2022. Tra le città più sicure figura anche Roma, ma in decima posizione. Ai vertici della classifica stanno Montreal, Amsterdam e Tokyo. Abbiamo chiesto alle principali società di insurance se concordano con le rilevanze di questo report.

“In un momento storico in cui le varianti possono determinare picchi improvvisi e altrettanto repentine decrescite del livello di pericolosità di una zona – risponde Daniela Panetta, direttore commerciale Ergo Assicurazione Viaggi -, non mi sentirei di fornire alcun tipo di indicazione a riguardo, perché sarei sicuramente smentita a brevissimo”.

“E’ una valutazione difficile da fare in termini assicurativi – specifica Christian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T -. Per un calcolo accurato sarebbe necessario basarsi su un numero costante di passeggeri ma alcune di queste destinazioni non sono fruibili dagli italiani”.

Più estesa la replica di Renato Avagliano, chief sales officer di Allianz Partners: “In generale, possiamo confermare un fortissimo interesse da parte dei viaggiatori verso il tema della sicurezza, ricorrendo ora a coperture assicurative a prescindere dal Paese in cui decidono di recarsi – analizza il manager -. C’è al contempo una grande attesa e dinamicità rispetto alla ripartenza. Notiamo infatti che le richieste emergono in maniera esponenziale non appena le restrizioni si riducono, con una forte utilizzo delle polizze non solo annullamento ma anche legate ai servizi di assistenza. Aumenta infatti l’utilizzo delle coperture grazie ad una maggiore consapevolezza da parte del viaggiatore assicurato, con una particolare attenzione alle garanzie assistenza e spese mediche”.

“Non possiamo che prendere atto di queste risultanze – afferma Massimo Borelli, direttore commerciale di Ami Assistance -. Da parte nostra, considerando che molte destinazioni per il nostro Paese sono state per lungo tempo ‘off-limits’, possiamo segnalare che i nostri assicurati per la maggiore hanno scelto come mete nell’ultimo anno, oltre ovviamente all’Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Grecia, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti”.

“Si tratta di report sicuramente importanti per il nostro lavoro e ci consentono di modulare la nostra offerta, ma noi puntiamo a fornire il massimo della sicurezza e dell’assistenza su ogni destinazione – sostiene Massimiliano Sibilio, chief travel officer Europ Assistance -. Uno dei compiti dell’assicurazione è proprio quello di garantire serenità al cliente ovunque vada, anzi sapere di poter contare su una rete internazionale con oltre cinquant’anni di esperienza come quella di Europ Assistance, rende possibile alcuni viaggi che altrimenti in pochi si sentirebbero di fare. Ovviamente non possiamo garantire la completa assistenza in zone dove è formalmente vietato viaggiare per turismo, ma accompagniamo i nostri clienti ovunque nel mondo. Non c’è poi solo un tema di sicurezza, anche Paesi estremamente sicuri per i viaggi nel 2022, han-no un sistema sanitario totalmente privato o misto, per cui garantirsi cure gratuite in caso di infortunio o malattia è altrettanto importante”.

“Non abbiamo elementi utili per confermare queste ipotesi – dichiara Guido Dell’Omo, business leader retail Axa Partners Italia -. Tuttavia è certamente deducibile la relazione biunivoca tra percentuale di contagi e densità di popolazione”, conclude il manager.

Nicoletta Somma

Tags: , , , , , , ,

Potrebbe interessarti